L’Inter ingrana la sesta contro un ottimo Spezia: 2-1

L’Inter di Conte trova la sesta vittoria consecutiva in Serie A: Spezia battuto 2-1 a San Siro. Primo tempo complicato per i nerazzurri, che giocano soprattutto sulla difensiva e vengono ingabbiati dagli ospiti. Nella ripresa Hakimi sblocca il match, Lukaku trasforma il rigore dopo un fallo di mano di Nzola. Nel finale Piccoli accorcia

FORMAZIONI:

Inter (3-5-2): Handanovic; Skriniar, De Vrij, Bastoni; Hakimi, Barella, Brozovic, Gagliardini, Young; Lukaku, Martinez. All. Conte.

Spezia (4-3-3): Provedel; Vignali, Terzi, Ismajli, Bastoni; Deiola, Ricci, Mora; Acampora, Nzola, Gyasi. All. Italiano.

CRONACA:

Buona la prova della squadra di Italiano che, per un tempo, regge il confronto con i nerazzurri nonostante l’evidente gap tecnico tra le due squadre. L’Inter, ancora una volta lenta e compassata, principalmente per via della gara incolore disputata da Brozovic e Gagliardini, nel primo tempo si affida a qualche iniziativa dei singoli, senza però riuscire a mettere alle corde i liguri. Di Ashley Young, nel primo tempo, la giocata più interessante: doppio dribbling e destro a giro dell’inglese che avrebbe meritato più fortuna.

Nell’intervallo, Conte lascia negli spogliatoi Gagliardini ed inserisce Sensi, ma a trovare la giocata decisiva è Lautaro Martinez che con un perfetto lancio da regista premia l’inserimento di Hakimi, costante spina nel fianco per la difesa ligure: il marocchino si presenta a tu per tu con Provedel e lo batte con un rasoterra non irresistibile. La reazione dello Spezia non arriva, l’Inter prende coraggio e resta in controllo della gara. Al 70′ il traversone di Sensi viene respinto dal braccio di Nzola: l’arbitro Fabbri non se ne accorge ma, richiamato dal VAR, indica il dischetto concedendo ai nerazzurri un penalty sacrosanto. Dal dischetto Lukaku è infallibile e batte con una sassata Provedel: 2-0. Incassato il secondo goal, gli ospiti provano il tutto per tutto per tornare in partita e riescono a fare capolino con frequenza nella trequarti nerazzurra senza però riuscire ad impensierire Handanovic. Gyasi, a dire il vero, trova il goal di testa su sponda di Nzola, ma la sua posizione è nettamente irregolare. Soltanto a pochi secondi dalla fine il giovane Roberto Piccoli, entrato nel finale, trova la zampata vincente su cross basso di S.Bastoni da sinistra.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter

Maglie Juve Home e Away Image Banner 300 x 250