L’Inter ferma la marcia del Napoli: 0-0

L’Inter gioca una buona gara e contiene il Napoli che dopo 8 vittorie di fila é costretto al primo pareggio in campionato.

FORMAZIONI:

Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Hamsik; Callejon, Mertens, Insigne. All. Sarri.

Inter (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, Miranda, Skriniar, Nagatomo; Vecino, Gagliardini; Candreva, Valero, Perisic; Icardi. All. Spalletti.

CRONACA:

La partita respira d’alta classifica sin dai primi minuti: le squadre si rispettano e si studiano, mettendo massima attenzione in ogni giocata. L’avvio del Napoli è intenso come prevedibile, ma l’Inter ha il merito di mostrarsi solida. La circolazione di palla più fluida dei padroni di casa si traduce in un predominio territoriale abbastanza netto, con i nerazzurri compatti nella propria trequarti ma capaci di accelerazioni interessanti. L’occasione migliore del tempo capita al Napoli, con Handanovic chiamato ad un doppio intervento super su Callejon e Mertens. Insigne, piuttosto pimpante nonostante le noie muscolari, pochi minuti più tardi si fa parare un colpo di testa da posizione ravvicinata. Sul versante opposto ci provano Perisic e Icardi senza risultare granchè pericolosi, mentre in chiusura di frazione Reina è costretto ad allungarsi per opporsi ad un buon inserimento di Borja Valero.

La ripresa si apre con la miglior occasione dell’incontro per l’Inter: un break dei nerazzurri mette Vecino in condizione di battere a rete a tu per tu con Reina con un tocco morbido che viene intercettato sulla linea da Albiol. Il Napoli metabolizza lo spavento e riparte con il solito ritornello, fatto di possesso palla e scambi nello stretto, ma senza riuscire a produrre grandi situazioni di pericolo dalle parti di Handanovic. L’intensità della partita e la stanchezza che ne deriva rende il finale particolarmente bloccato. L’Inter ragiona sulla possibilità di accontentarsi del pari e abbassa il baricentro, lasciando al Napoli lo scomodo compito di trovare varchi nella retroguardia nerazzurra. Ci riesce Mertens al 90′, trovando ancora una volta uno strepitoso Handanovic sulla sua strada. E’ l’ultimo squillo di una sfida che lascia tutto inalterato in vetta.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter