Lewis Hamilton torna alla vittoria

Gara perfetta per Lewis Hamilton che torna al successo nel GP di Cina. Gara dominata dall’inglese sempre primo dalla partenza. Buon secondo posto per Sebastian Vettel. Terzo posto per un super Max Vestappen partito 16esimo.

Pista bagnata a Shanghai quando sta per partire il GP di Cina e i piloti si schierano in griglia di partenza. Giovinazzi, Grosjean e Palmer sono stati penalizzati e partiranno sul fondo della griglia. Tutti i piloti sono con le intermedie, tranne la Toro Rosso di Sainz, che rischia al via con le supersoft. Vettel si posiziona fuori dalla sua piazzola per evitare il tratto di pista più bagnato, e verrà poi messo sotto investigazione per questo. Allo spegnersi dei semafori Hamilton mantiene la prima piazza e si lascia il gruppo alle spalle. Vettel lo segue con Bottas che subito tenta di infilarsi davanti al tedesco. Raikkonen dietro resiste a Ricciardo ma dopo un paio di curve l’australiano si prende la posizione. Hulkenberg scavalca Massa e passa al sesto posto. Stroll finisce nella ghiaia dopo un contatto con la Force India di Perez. Al terzo giro Vettel rientra subito ai box per montare le soft. In pista Hamilton conduce il gruppo seguito da Bottas, Ricciardo, Kimi, Verstappen, Vettel, Sainz, Kvyat, Alonso e Massa. Al giro 4 Giovinazzi finisce a muro! Sventola la bandiera rossa e i piloti devono tutti transitare dai box, per permettere ai marshall la pulizia dei detriti in rettilineo. Al giro 5 ai box Sainz, Magnussen, Palmer e Grosjean per montare le supersoft. Li seguono anche Hamilton, Ricciardo, Raikkonen, Verstappen e Bottas. In pista troviamo Hamilton davanti a Ricciardo, Raikkonen, Verstappen, Bottas, Vettel, Alonso, Sainz, Kvyat e Massa. Tutti sono con le S, fatta eccezione per le due Red Bull e Sainz con le SS (supersoft).

Al giro 8 rientra la safety car . Perez subito dentro su Massa, mentre Verstappen è risalito fino al terzo posto, lasciandosi alle spalle le due Rosse. Sainz sale sesto davanti ad Alonso, seguito da Perez, Magnussen e Kvyat. Bottas nel tentativo di scaldare le gomme finisce in testacoda e scivola all’11esimo posto. Intanto è battaglia doppia in casa Red Bull e Ferrari, con Verstappen e Vettel che cercano di attaccare rispettivamente Ricciardo e Raikkonen. Verstappen riesce a prendersi la seconda piazza. Hulkenberg e Grosjean sono sotto investigazione per sorpasso in regime di safety car, con il pilota Renault che si prenderà 15 secondi di penalità. Al giro 18 Hamilton continua a farla da padrone seguito da Verstappen, Ricciardo, Kimi, Vettel, Sainz, Alonso, Perez, Magnussen e Bottas. Ritiro per la McLaren di Vandoorne.

Vettel si butta su Kimi e gli strappa la quarta piazza. Intanto la Toro Rosso di Kvyat finisce contro le barriere di gomme. Vettel si lancia anche su Ricciardo, ruota a ruota, i due si toccano e poi Vettel gli prende la posizione. Perez fa sua la decima piazza ai danni di Ocon. Bottas supera Alonso per il settimo posto, mentre Raikkonen si lamenta delle gomme che ormai lo stanno lasciando. A metà gara: Hamilton, Verstappen, Vettel, Ricciardo, Raikkonen, Sainz, Bottas, Alonso, Magnussen e Perez. Grosjean si prende la 13esima piazza su Palmer. Lungo di Verstappen dopo un bloccaggio, con Vettel che ne approfitta e si prende la seconda piazza. L’olandese rientra quindi ai box per passare alle soft e tornsre in pista in sesta posizione, dietro a Bottas. Al giro 35 Vettel passa di nuovo dai box e monta le soft usate, rientrando al terzo posto davanti a Verstappen. Ritiro per la McLaren di Alonso. Al giro 37 anche Hamilton passa ai box e monta le soft nuove. Tre tornate ed è il turno di Raikkonen, che passa alle supersoft.

Al giro 42 Hamilton è sempre leader, davanti a Vettel, Verstappen, Ricciardo, Raikkonen, Sainz, Bottas, Perez, Magnussen e Ocon. Bottas si prende poi la sesta piazza ai danni di Sainz. Nella top ten troviamo Hamilton, Vettel, Bottas e Sainz con la mescola soft, gli altri con le supersoft. Magnussen si prende l’ottava piazza su Perez mentre il GP di Cina si avvicina al gran finale, con le due Red Bull in lotta tra loro: Ricciardo vuole rendere la “lezione” a Verstappen, che si lamenta via radio per il traffico dei doppiati davanti a sé. L’olandese effettua un bloccaggio e perde terreno, con Ricciardo che ne approfitta ma non riesce ad andare a fondo nel sorpasso. Ci prova ancora l’australiano, all’ultima curva, ma va lungo ed è costretto a mollare la presa. Più avanti Hamilton taglia il traguardo seguito da Vettel e le due Red Bull.

ORDINE D’ARRIVO:
1. Lewis Hamilton Mercedes 1:37:36.15
2. Sebastian Vettel Ferrari +6.25
3. Max Verstappen Red Bull +45.19
4. Daniel Ricciardo Red Bull +46.03
5. Kimi Raikkonen Ferrari +48.07
6. Valtteri Bottas Mercedes +48.80
7. Carlos Sainz Toro Rosso +1:12.89
8. Kevin Magnussen Haas +1g
9. Sergio Perez Force India +1g
10. Estaban Ocon Force india +1g

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter