Da leader e capitano a giocatore scomodo: Alessandro Gentile lascia Milano.

Dopo aver perso la fascia da capitano, Gentile perde anche la squadra dove ha militato per 5 anni e mezzo e dove ha espresso sprazzi di gioco interessante tanto da essergli valsa la chiamata in NBA.

Le cose per Alessandro quest’anno non sono iniziate col piede giusto, al draft NBA non è stato scelto da Houston che l’aveva opzionato, poi Repesa gli ha tolto la fascia da capitano per darla a Cinciarini, infine, di comune accordo con la società, hanno deciso di metterlo sul mercato. Le ipotesi sono un prestito, più estero che Italia oppure la possibilità di andare subito a Houston in NBA per far vedere quello che vale.

Il classe 1992 lascia Milano dopo 5 stagione e mezzo vincendo 2 scudetti, 1 Coppa Italia e 1 Supercoppa italiana, nonché è stato nominato miglior Under 22 per 2 anni (2011 e 2014) e premio MVP delle finali del 2014.

ECCO LE PAROLE DEL CLUB ( fonte Eurosport)

” In data odierna il Presidente della Pallacanestro Olimpia Milano, Livio Proli ed Alessandro Gentile comunicano di aver concordato una soluzione che a breve consenta al giocatore di concludere la rimanente parte della stagione 2016/17 presso un altro club”

La società Olimpia ringrazia Alessandro per il grande contributo apportato in tutti questi anni, augurandogli di poter trovare un percorso più consono alle sue aspettative ed al suo potenziale”
” Alessandro Gentile a sua volta ringrazia di cuore il sig. Giorgio Armani per l’opportunità ricevuta in questi anni nel suo progetto cestistico di Milano, la società Olimpia per il percorso agonistico fatto insieme e per i successi conseguiti, nonché tutti i tifosi dell’Olimpia per il grande affetto dimostratogli in questi anni”.

ECCO INVECE LE PAROLE DI GENTILE AI TIFOSI ( fonte Eurosport)
” Abbiamo vinto insieme, abbiamo perso insieme, abbiamo pianto insieme, abbiamo gioito insieme, abbiamo scritto piccole pagine di storia per questa gloriosa società. Abbiamo conosciuto il sapore amaro delle delusioni insieme. Grazie per l’amore, l’odio, gli elogi, le critiche. Non so se è un addio o un arrivederci…so solo che sono grato per l’opportunità che ho avuto e sono fiero di quanto fatto nel bene e nel male, sempre a testa alta dando tutto me stesso… Grazie al SIGNOR ARMANI che mi ha permesso di trascorrere questi 6 anni con voi. L’Olimpia sarà sempre parte di me. LA STORIA NON SI CANCELLA. GRAZIE A TUTTI VOI…”

Finisce così una storia d’amore che sembrava durare in eterno se non per una chiamata NBA, ma nel basket, come in amore, mai dire mai.

About the Author

Matteo Negri
Matteo Negri nato a Bologna il 17 novembre 1983. Grande appassionato di sport, ma non mi piace praticarlo. Conduttore radiofonico su radio Bologna uno di una trasmissione dal nome Football Drivetime e conduttore di una trasmissione sportiva su YouTube dal nome singolare!

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter