Lazio straripante: 5-3 al Benevento

Sotto il diluvio del’Olimpico, Lazio-Benevento si rivela una partita per cuori forti. Due autoreti, tre rigori, decisioni VAR: 8 reti e 5-2 per la compagine biancoceleste, che sale a 58 ed accorcia a -4 dal quarto posto. Immobile, nonostante il rigore gettato alle stalle al 56′, raggiunge i 151 centri in Serie A

FORMAZIONI:

Lazio (3-5-2): Reina; Marusic, Acerbi, Radu; Lazzari, Milinkovic-Savic, Leiva, Alberto, Fares; Immobile, Correa. All. Inzaghi Simone.

Benevento (4-3-2-1): Monitipò; Depaoli, Glik, Barba, Letizia; Ionita, Schiattarella, Improta; Insigne, Sau; Gaich. All. Inzaghi Filippo.

CRONACA:

Il grande protagonista è Immobile, nel bene e nel male: quando colpisce il palo al volo e quando propizia la rete del vantaggio, costringendo Depaoli ad una sfortunata deviazione nella sua porta. Il 2-0, però, è tutto suo: tocco delizioso a superare Montipò e goal numero 150 in Serie A. Ma lo spietato Ciro dimostra di avere anche un cuore d’oro quando lascia il rigore del 3-0 a Correa, atterrato dal portiere sannita: il ‘Tucu’ lo spiazza con estrema lucidità. Sul finale di frazione è Sau a ridare speranza a Pippo Inzaghi con un destro a giro imparabile per Reina.

Speranza affossata in avvio di ripresa da un’altra carambola sfavorevole al Benevento: quello di Correa è un passaggio in mezzo all’area che Montipò ricaccia oltre la linea di porta nel tentativo di respinta. Sull’Olimpico si scatena un violento temporale, concentrato in particolare nei pressi della porta giallorossa: Gaich colpisce nelle parti basse Milinkovic-Savic in area e Ghersini concede il rigore con l’ausilio del VAR; stavolta è Immobile a presentarsi sul dischetto, ma la sua conclusione è preda di Montipò che si supera anche su Fares. Il terzo penalty di giornata è frutto di una trattenuta di Marusic su Ionita: Viola è freddo e non sbaglia. Il Benevento inizia a credere nella clamorosa rimonta e trova anche il terzo sigillo con un colpo di testa di Lapadula, annullato per una leggera spinta di Caldirola ai danni di Immobile. Ma il forcing ospite è costante e obbliga la Lazio a chiudersi: Reina vola sulla botta di Depaoli ma deve inchinarsi all’incornata di Glik che mette del pepe sul match a pochi minuti dalla fine. Proprio allo scadere, è Immobile a siglare la personale doppietta in contropiede sfruttando il baricentro alto dei campani, tutti sbilanciati in avanti a caccia del pari.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter

Maglie Juve Home e Away Image Banner 300 x 250