Lazio secco 3-0 nel derby con la Roma

La Lazio torna a vincere un derby casalingo e riapre la corsa al quarto posto: apre un Felipe Caicedo ispirato, poi nella ripresa chiudono il match Ciro Immobile e Danilo Cataldi. Finale nervoso con la Roma che perde in un colpo solo Fazio, Dzeko e Kolarov in vista della prossima gara

FORMAZIONI:

Lazio (3-5-2): Strakosha; Bastos, Acerbi, Radu; Marusic, Mlinkovic-Savic, Leiva, Alberto, Lulic; Correa, Caicedo. All. Inzaghi.

Roma (4-3-3): Olsen; Florenzi, Fazio, Jesus, Kolarov; Cristante, De Rossi, Pellegrini; Zaniolo, Dzeko, El Shaarawy. All. Di Francesco.

CRONACA:

In un Olimpico blindato si gioca un derby che vale molto per la classifica, anche in virtù delle squadre che precedono in classifica i giallorossi e i biancocelesti. Infatti nella giornata di venerdì l’Inter scivola a Cagliari e si fa superare dal Milan che poco prima del derby batte il Sassuolo portandosi al terzo posto. Inzaghi lascia a riposo in panchina Immobile e Parolo non al meglio schierando Caicedo e Luiz Alberto, mentre di francesco in extremis deve rinunciare a mano la febbricitante e manda in campo Juan Jesus al fianco di Fazio. La gara parte subito con i biancocelesti che dimostrano di avere subito un altro passo e un altro approccio, gli undici di Inzaghi corrono e pressano, senza permettere agli avversari di giocare e rendersi pericolosi. La Roma invece a differenza dei cugini gioca una gara attendista d distratta senza pensare che questa voglia dei ragazzi di Inzaghi potesse creare problemi ad Olsen e compagni. Ad allarmare è a punire la Roma ci pensa Caicedo che al 12’pescato molto bene da Correa dribbla Olsen e deposita in rete, così la Lazio passa in vantaggio. La Roma tenta una timida reazione ma la Lazio dimostra di avere la gara in pugno e quindi la risposta dei giallorossi praticamente non arriva. Il primo tempo termina con la Lazio in vantaggio. Ripresa più interessante e da un certo verso il contrario del primo tempo, ossia giallorossi attivi e propositivi e biancocelesti attendista ma sempre vigili a colpire con rapide ripartenze. Nel momento migliore della Roma con un gol mangiato per incomprensione tra pastore (subentrato a de Rossi) e pellegrini ecco che arriva il raddoppio, infatti Correa si invola verso la porta di Olsen e con un presunto fallo di Fazio guadagna un rigore che immobile) subentrato a Caceido) realizza. La partita sembra chiusa e tra momenti di nervosismo e teantivi di salvare il salvabile per la Roma, ci pensa cataldi a chiudere il match con un tiro da fuori. La gara termina con momenti di vero e proprio nervosismo in campo e a rimetterci è Kolarov che viene espulso a fine gara per doppia ammonizione (la prima per proteste e la seconda per presunto fallo su Immobile. Vittoria fondamentale per la Lazio che accorcia lo svantaggio e ha una gara in meno. Migliori in campo Correa per la Lazio e per la Roma Pellegrini.