Lazio che vola verso l’Europa: 4-3 al Genoa

Gol e spettacolo nel lunch match della 34a giornata. La Lazio vince 4-3 sul Genoa grazie alla doppietta di Correa, e alle reti di Immobile e Luis Alberto. La squadra di Inzaghi infila così la 14esima vittoria nelle ultime 17 di Serie A. La Lazio tiene viva la corsa Champions e vola a -2 dalla Juventus

FORMAZIONI:

Lazio (3-5-2): Reina; Marusic, Hoedt, Radu; Lazzari, Milinkovic-Savic, Leiva, Alberto, Lulic; Immobile, Correa. All. Inzaghi.

Genoa (3-5-2): Perin; Biraschi, Radovanovic, Masiello; Goldaniga, Zajc, Badelj, Strootman, Zappacosta; Shomurodov, Destro . All. Ballardini.

CRONACA:

Lazio decisa a mettere la gara in discesa sin dalle prime battute, con Immobile immediatamente ad impegnare Perin. L’attaccante biancoceleste è scatenato nel tentare di trovare il goal in tutti i modi, quello che arriverà solamente sul finire della prima frazione. A regalare il vantaggio alla Lazio è invece Correa, che alla mezzora è fortunato nell’insaccare dopo un rimpallo con Radovanovic. Il Genoa non riesce a reagire e i biancocelesti giostrano con tranquillità, trovando il raddoppio con il sopracitato Immobile al 43′: Radovanovic sul bomber laziale e 2-0. Il Genoa, pericoloso solamente al 45′ con la conclusione di Strootman deviata da Reina, non può far finta di niente.

E all’intervallo Ballardini opera un triplo cambio: fuori anche Destro. Il goal è immediato, grazie ai nuovi entrati: Ghiglione per Scamacca, deviazione di Marusic e gara riaperta. Per pochi secondi. Un recupero di Milinkovic-Savic porta ad un contropiede letale per il Genoa, con Luis Alberto solissimo al limite con tutto il tempo di prendere la rima e piazzare a giro il tiro del 3-1 che mette nuovamente a terra la formazione ligure. Gli ospiti si sfaldano e raccolgono ancora una volta la palla in rete, causa Correa scatenato: destro sul secondo palo e match chiuso? No. Il Genoa trova la scintilla al minuto 80, per poi riaprire definitivamente la gara dopo pochi secondi: fallo di Cataldi su Badelj in area e penalty messo a segno da Scamacca, dunque è Shomurodov a trovare il tempo giusto per battere un Reina non irreprensibile. Non basta: la Lazio vince 4-3.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter