Lazio – Bologna partita molto delicata

Domenica alle ore 15,00 allo stadio Olimpico di Roma, contro la Lazio di Simone Inzaghi, rincomincia il campionato di serie A per il Bologna reduce dalla sconfitta contro il Genoa con molte polemiche arbitrali sull’operato del signor Maresca, ecco che il designatore ha pensato bene di designare il signor Di Bello della sezione di Brindisi, che certamente nell’ultima annata non ha lasciato certo un buon ricordo al Bologna, nel mese di dicembre 2015 contro il Genoa decide di sventolare il cartellino rosso a Diawara per  aver risposto in maniera eccessiva, a suo parere, ai continui insulti razzisti ricevuti dall’ex mediano del Bologna, ma Di Bello non contento, uscì tra i fischi del Dall’Ara il 17 gennaio 2016 nel 2-2 proprio contro la squadra del presidente Lotito, con il Bologna in vantaggio per 2-0, al 70’ il fischietto pugliese cambio’ la partita con l’espulsione eccessiva di Adam Masina per un fallo in area su Klose, con rigore trasformato da Candreva e poi la Lazio segno’ il 2-2 grazie all’assit di Lucic per il killer  Klose.

Il Bologna e’ alle prese con tante assenze con le assenze per squalifica per Gastaldello e Dzemaili e per infortunio di Destro (con le immancabili e futili polemiche) e Mirante, ma anche nelle file della Lazio ci sono parecchi assenti come Bastos, Biglia, Lukaku e forse anche Basta.

La Lazio di Simone Inzaghi e’ sicuramente una squadra molto forte ed in grande fiducia, ma con l’assenza di Biglia come mediano davanti alla difesa a 3 perde molto pur rimanendo una squadra molto temibile ma che sicuramente potrebbe avere qualche problema ad avere equilibrio in fase difensiva, in casa la Lazio come sempre raccoglie tanti punti ed in questo inizio di campionato ha battuto ha perso contro la Juventus per 1-0 e ha battuto Pescara ed Empoli senza incassare gol.

La Lazio gioca con il 3-5-2 con il mediano di turno Biglia, Cataldi o Parolo che si abbassano molto a proteggere la linea difensiva, il centrocampo e’ dotato  di piedi delicati come quelli di Milinkovic – Savic, Parolo e Cataldi bravi ad aprire il gioco per le sgaloppate di Felipe Anderson oppure nel servire le punte mobili Keita ed Immobile che sono in grandissima forma e che danno pochi punti di riferimento ai difensori centrali.

I punti deboli potenziali della Lazio sono il poco lavoro difensivo di Felipe Anderson sulla fascia destra e la sofferenza quando vengono pressati in particolare Anderson e Savic e anche quando vengono effettuati cambi gioco veloci e precisi la difesa viene messa in serie difficoltà.

Il Bologna che dovrà sostituire Mattia Destro, molto probabilmente con Verdi dovrà sfruttare molto bene la velocità e la capacità di Kreici di allargare il gioco così come Di Francesco sulla fascia destra e dovrà cercare con i tre centrocampisti che dovrebbero essere Nagy Taider e Viviani di pressare, recupere palla e far ripartire l’azione, l’inserimento di un giocatore con le caratteristiche di Viviani sarebbe a mio parere molto importante per la sua capacità di leggere bene i movimenti degli attaccanti che come abbiamo detto in precedenza non danno particolari punti di riferimento alla difesa.

Si parla da Roma anche di una possibile difesa a 4, visto che il Bologna non schiera un centravanti  classico, con un centrocampista in meno con il terzino spagnolo Patric ex Barcellona al posto del mediano Cataldi con un ipotetico 4-4-2.

Probabili Formazioni.

Lazio 3-5-2

Marchetti, Hodet (Wallace) De Vrij  Radu, Felipe Anderson Parolo Cataldi Milinkovic – Savic Lulic, Keita Immobile

Bologna 4-3-3

Da Costa, Krafth Oikonomou Maietta Masina, Nagy Viviani (Donsah) Taider, Kreici Verdi Di Francesco

About the Author

Andrea Schiavina
Nato a Bologna il 19/06/1965 titolo di studio Geometra, sport praticati a livello agonistico Nuoto, Pallanuoto, Football americano e Tennis. Appassionato di sport in genere, sono osservatore di calcio professionista, collaboro con Radio Nettuno, Abito a grizzana Morandi in provincia di Bologna sposato

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter