L’Atalanta vince ancora: 2-1 al Genoa

A Reggio Emilia l’Atalanta domina, segna due gol nella ripresa e alla fine rischia dopo aver subito la rete di Goran Pandev. Arrivano comunque i tre punti: quarto posto al sicuro per un’altra giornata, Champions molto vicina

FORMAZIONI:

Atalanta (3-4-1-2): Gollini; Hateboer, Palomino, Djimsiti; Castagne, De Roon, Freuler, Gosens; Pasalic; Ilicic, Zapata. All. Gasperini.

Genoa (4-1-4-1): Radu; Biraschi, Romero, Zukanovic, Criscito; Radovanovic; Bessa, Lerager, Veloso, Kouamé; Lapadula. All. Prandelli.

CRONACA:

A Reggio Emilia, quella contro il Genoa non è stata una partita in discesa. Gli orobici infatti, dopo essere partiti bene, con il passare dei minuti fanno fatica a colpire un avversario abile nel prendere le giuste contromisure. La squadra di Gasperini, che pure in due occasioni trova la via della rete, in entrambi i casi annullate per posizioni di fuorigioco, dà l’impressione di giocare sotto ritmo rispetto al solito e di non riuscire a trovare quegli strappi che in tante occasioni gli hanno consentito di mettere in crisi gli avversari nel corso della stagione. Il Genoa, dal canto suo, non solo copre gli spazi con diligenza ma, quando può, si riversa anche dalle parti di Gollini con una certa pericolosità. Lo 0-0 con il quale si chiude la prima frazione, rappresenta quindi il giusto riassunto di un primo tempo sostanzialmente equilibrato.

Nella ripresa, Gasperini ridisegna la squadra lasciando negli spogliatoi un evanescente Pasalic e lancia nella mischia Barrow. Proprio il giovane attaccante, non solo regala quella scossa immediata della quale la squadra aveva bisogno, ma realizza, praticamente al primo pallone toccato, il goal che sblocca il risultato. E’ lo spartiacque di una gara che da questo momento vede la Dea assoluta padrona del campo. Il Genoa va in affanno e fatica ad uscire e l’Atalanta, nel momento del massimo sforzo, trova con Castagne anche la rete che vale il raddoppio e che manda di fatto in archivio la pratica. Gli orobici nel finale gestiscono la situazione senza affanni dando anche l’impressione di risparmiare le forze in vista della prossima sfida con la Lazio che metterà in palio la Coppa Italia fino all’89’, quando Pandev riapre clamorosamente i giochi gelando i tifosi nerazzurri. Nonostante i concitati minuti di recupero il risultato non cambia più fino al triplice fischio finale. Per il Genoa invece il discorso salvezza non è ancora chiuso, servirà un ulteriore sforzo per tenere stretta la Serie A.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter