L’Atalanta rimonta l’Ajax: 2-2

La squadra di Gasperini rimonta il doppio svantaggio subito nel primo tempo per le reti Tadic su rigore e di Traoré. Nella ripresa una doppietta del colombiano consente alla Dea di salire a 4 punti nel girone dietro il Liverpool capolista: gli olandesi sono a quota 1

FORMAZIONI:

Atalanta (3-4-2-1): Sportiello; Toloi, Romero, Djimsiti; Hateboer, Pasalic, Freuler, Gosens; Ilicic, Gomez; Zapata. All. Gasperini.

Ajax (4-3-3): Onana; Mazraoui, Schuurs, Blind, Tagliafico; Klaassen, Tadic, Gravenberch; Antony, Traoré, Neres. All. Ten Hag.

CRONACA:

Nonostante diverse occasioni capitate agli attaccanti, che non hanno però mai impegnato seriamente Onana, l’Ajax ha retto all’urto di un’Atalanta decisa a dimenticare le ultime due sconfitte in campionato. La squadra di Ten Hag ha spinto come suo solito a caccia della giusta occasione, arrivata alla mezzora. Gosens su Traoré, palla ma in maniera troppo dura secondo Skomina, che assegna la massima punizione, trasformata da un Tadic a sorpresa schierato interno di centrocampo e non esterno d’attacco. L’Atalanta perde fiducia e si fa colpire in contropiede otto minuti dopo, con Neres in fuga sulla sinistra, pronto a mettere al centro per Traorè: Sportiello non controlla il traversone e l’attaccante dell’Ajax insacca in qualche modo con la complicità del portiere avversario.

Sulle ali dell’entusiasmo per il doppio vantaggio e il 13-0 nell’ultima gara di Eredivisie, l’Ajax si rilassa però più del dovuto, lasciando l’Atalanta, senza cambi all’intervallo, in grado di reagire: Gomez mette in mezzo per Zapata, che di testa svetta su Blind riaprendo la gara. Una gara pareggiata sei minuti dopo, in contropiede, stavolta per l’Atalanta: palla larga di Freuler per Zapata, che accelera entrando in area e sparando un missile all’angolino opposto su cui Onana non può nulla. Dopo il pareggio lo spettacolo cala, e nonostante la prerogativa del gioco spettacolare e d’attacco di Atalanta e Ajax, le occasioni per vincere latitano: un punto a testa, che serve più alla squadra di Gasperini. Per gli ospiti, invece, tanto rammarico per la rimonta subita.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter