L’Atalanta ferma il City e strappa il primo punto: 1-1

Serata di gala a San Siro con il croato che riacciuffa sull’1-1 i Citizens in vantaggio con Sterling al 7’. Nel finale succede di tutto con l’espulsione di Bravo e l’ingresso in campo di Walker che difende i pali della squadra di Guardiola per 10 minuti. Per accedere agli ottavi i nerazzurri dovranno vincere con Shakhtar e Dinamo Zagabria e sperare che il City faccia il suo dovere con entrambe

FORMAZIONI:

Atalanta (3-4-2-1): Gollini; Toloi, Djimsiti, Palomino; Hateboer, De Roon, Freuler, Castagne; Pasalic, Gomez; Ilicic. All. Gasperini.

Manchester City (4-3-3): Ederson; Cancelo, Otamendi, Fernandinho, Mendy; De Bruyne, Gundogan, Silva; Mahrez, Gabriel Jesus, Sterling. All. Guardiola.

CRONACA:

Dopo sette minuti Gabriel Jesus rifinisce in area di tacco per Sterling che davanti a Gollini non può sbagliare. L’ex Liverpool segna il quarto goal in due partite contro l’Atalanta ed è un vero incubo per la difesa della Dea con le sue accelerazioni e i suoi inserimenti sempre pericolosissimi. Le occasioni dell’Atalanta si riducono a un tiro sul’esterno della rete di Hateboer e a uno scatto in profondità di Gomez anticipato in uscita da Ederson. Nel finale di primo tempo succede di tutto: prima l’arbitro Kulbakov toglie un rigore al City col Var, ma appena due minuti dopo è sempre col Var che concede il penalty agli inglesi per fallo di mano in area di Ilicic su punizione di Sterling. Senza lo specialista Aguero sul dischetto si presenta Gabriel Jesus, che però calcia clamorosamente fuori. L’errore dà coraggio all’Atalanta e nella ripresa la squadra di Gasperini inizia subito alla grande, trovando il pareggio con un colpo di testa di Pasalic su perfetto cross di Gomez. Subito bucato Bravo, che nell’intervallo aveva sostituito Ederson.

La partita cambia totalmente nel secondo tempo, con l’Atalanta che tiene il pallino del gioco e il City che agisce in contropiede. Djimsiti fa addirittura vicino al raddoppio con un colpo di testa su azione da corner, mentre la squadra di Guardiola si fa vedere solo con le classiche folate di Sterling. L’Atalanta spinge forte e all’81’ Ilicic si invola a tu per tu con Bravo che lo stende in uscita bassa. Per l’arbitro è rosso diretto e il Manchester City è costretto a fare entrare il difensore Walker per metterlo tra i pali. Tuttavia, nonostante un recupero lunghissimo e l’assenza di un vero portiere a difendere la porta del City, l’Atalanta non riesce mai a creare pericoli veri, sprecando così una grandissima occasione per credere ancora alla qualificazione agli ottavi, comunque ancora aperta dopo il clamoroso 3-3 tra Dinamo Zagabria e Shakhtar Donetsk: Dea a un punto, le due concorrenti a 5. A due giornate dal termine.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter