L’Atalanta domina nel primo tempo, ma la Roma rimonta: 3-3

Si chiude con un clamoroso 3-3 il posticipo della seconda giornata di Serie A, con la Roma bloccata da un’ottima Atalanta. Gasperini fa scendere in campo le seconde linee, con il pensiero rivolto all’Europa League, ma la sua squadra domina nei primi 45 minuti: a segno Timothy Castagne ed Emiliano Rigoni dopo il vantaggio di
Javier Pastore. Nella ripresa Alessandro Florenzi e Kostantinos Manolas conquistano il pareggio.

FORMAZIONI:

Roma (4-3-3): Olsen; Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov; Cristante, De Rossi, Pastore; Under, Dzeko, Pellegrini. All. Di Francesco.

Atalanta (3-4-2-1): Gollini; Djimsti, Mancini, Palomino; Castagne, Valzania, Pessina, Adnan; Pasalic, Rigoni; Zapata. All. Gasperini.

CRONACA:

Dopo soli due minuti i padroni di casa sbloccano il risultato con la magia di Pastore, che raccoglie il cross basso di Under tirando fuori dal cilindro un colpo di tacco perfetto. Dopo il vantaggio la Lupa spegne però la luce e subisce la rabbiosa reazione dei nerazzurri, che arrivano con grande facilità al tiro. Poco prima del 20′ Zapata prende sulle spalle la Dea e mette lo zampino sui due goal della rimonta: prima scarica sul palo un potente destro, che viene poi ribadito in goal da Castagne; poi brucia in velocità Manolas per servire un assist d’oro a Rigoni. Gli uomini di Gasperini continuano a fare la partita e trovano anche il terzo goal sull’asse Pasalic-Rigoni: l’ex Zenit brucia la difesa di casa e batte ancora Olsen con un preciso sinistro rasoterra.

Nella ripresa la Roma cambia marcia e schiaccia gli ospiti nella propria metà campo: al 60′ Florenzi la riapre con una bella accelerazione centrale, complice anche un intervento non impeccabile di Gollini. Di Francesco tenta il tutto per tutto con Kluivert e Schick, ma le conclusioni giallorosse non trovano la porta avversaria. Nel finale Manolas trova il guizzo giusto in mischia, riscattando in parte una prestazione da dimenticare. Poco prima del fischio finale Gollini compie un grande intervento sullo scavetto di Schick e Castagne compie un miracolo in recupero su Kluivert.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter