L’Arabia Saudita sorprendeal 94′ l’Egitto: finisce 2-1

during the 2018 FIFA World Cup Russia group A match between Saudia Arabia and Egypt at Volgograd Arena on June 25, 2018 in Volgograd, Russia.

La rete di Salem Al Dawsari al 94′ ha permesso all’Arabia Saudita di mandare ko per 2-1 l’Egitto. L’Arabia Saudita chiude terza nel gruppo A, ultimo posto per l’Egitto con 0 punti.

FORMAZIONI:

Arabia Saudita (4-5-1): Al Mosailem; Al Burayk, Hawsawi, Hawsawi, Al Shahrani; Bahbir, Al Faraj, Otayf, Al Moghawi, Al Dawsari; Al Muwallad. All. Pizzi.

Egitto (4-2-3-1): El Hadary; Fathy, Gabr, Hegazy, Abdel-Shafi; Elneny, Hamed; Salah, Said, Trezeguet; Mohsen. All. Cuper.

CRONACA:

Dopo un primo periodo caratterizzato da emozioni col contagocce, il termometro della gara inizia vertiginosamente a salire: merito di Salah che aggancia splendidamente un assist perfetto di Elsaid, prima di depositare in rete con un pallonetto che anticipa il portiere Al-Mosailem. L’occasione del raddoppio i ‘Faraoni’ ce l’hanno poco dopo con lo stesso attaccante del Liverpool, il cui cucchiaio termina incredibilmente sul fondo. Trezeguet prova ad arrotondare ulteriormente il risultato senza fortuna ma il finale di tempo è tutto di marca saudita: l’arbitro concede un rigore per un tocco in area col braccio di Fathy, su cui El Hadary si supera, negando la gioia della rete ad Al-Muwallad. In pieno recupero un altro penalty, concesso per trattenuta di Gabr sul solito Al-Muwallad: sul dischetto stavolta si presenta Al-Faraj che non sbaglia.

Il goal del pari galvanizza l’Arabia Saudita che, al rientro in campo, ha un’altra verve: i ‘Figli del Deserto’ hanno in mano il pallino del gioco, al contrario dell’Egitto che invece fatica enormemente a costruire una manovra degna di nota, tanto che Salah è costretto ad agire da falso nueve proprio per mettere una pezza alle mancanze tecniche dei suoi in avanti. La gara si trascina via senza molti squilli, ma si riaccende improvvisamente nel finale: merito di Al-Dawsari che rovina parzialmente la giornata di El Hadary superandolo con un diagonale chirurgico dall’interno dell’area. Parecchie le responsabilità della retroguardia di Cuper.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter