La Sampdoria non fa volare la Fiorentina: a Firenze é 1-1

La Fiorentina passa nel primo tempo con un tiro-cross vincente di Federico Bernardeschi, ma la squadra di Giampaolo pareggia meritatamente nella ripresa grazie ad un colpo di testa di Luis Muriel. Occasione fallita per la Fiorentina, che non riesce ad avvicinarsi alle zone alte di classifica.

FORMAZIONI:

Fiorentina (4-2-3-1): Tatarusanu; Tomovic, Rodriguez, Astori, Milic; Badelj, Valero; Tello, Ilicic, Bernardeschi; Kalinic. All. Sousa

Sampdoria (4-3-1-2): Puggioni; Sala, Silvestre, Skriniar, Regini; Linetty, Torreira, Barreto; Fernandes; Muriel, Quagliarella. All. Giampaolo

CRONACA:

Primi minuti con le due squadre che cercano timidamente il goal senza trovarlo, la Samp si rende pericolosa con Muriel che però è impreciso nella conclusione. Kalinic finisce troppo spesso nella trappola del fuorigioco e non è incisivo. Al 37’ però la gara cambia sugli sviluppi di un corner: Ilicic dalla bandierina serve Bernardeschi che la mette in mezzo, un assist che si trasforma in un vero e proprio tiro che batte Puggioni. Il goal è da attribuire a Bernardeschi anche se il primo ad esultare è stato Astori.

Dopo il goal la Samp sembra aver accusato il goal ma nella ripresa cerca di contenere la Fiorentina e di sfruttare i contropiede per pareggiare. Giampaolo manda in campo Praet per Linetty che rimane negli spogliatoi, gli ospiti hanno così maggior peso offensivo. Al 57′ è un assist al bacio quello di Regini che mette il pallone sulla testa di Muriel, con l’attaccante che anticipa Gonzalo Rodriguez ed incorna in rete. Lo spagnolo corre ma spesso a vuoto e sbaglia quasi sempre l’ultimo passaggio. Ha l’occasione ad inizio secondo tempo per andare a tu per tu con Puggioni ma è frettoloso e tira troppo presto sprecando così una grande occasione per la Fiorentina. Sousa lo rimprovera e poi lo sostituisce nel finale col giovane Chiesa. Nel primo tempo sembrava essersi fatto male Puggioni ma rimane in campo fino all’ultimo. Nei minuti finali la Fiorentina cerca il pressing ma lui è determinante nei minuti finali nel salvare la sua porta, ed evitare la sconfitta per la sua squadra, sui colpi di testa di Gonzalo Rodriguez prima e di Astori poi. In questo modo si riscatta anche di un probabile errore sul tiro-cross di Bernardeschi che aveva dato il vantaggio ai viola.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter