La Roma riprende nel finale la Sampdoria, 1-1 a Marassi

Roma's Edin Dzeko (2L) scores the goal during the Italian Serie A soccer match UC Sampdoria vs AS Roma at Luigi Ferraris stadium in Genoa, Italy, 24 January 2018. ANSA/SIMONE ARVEDA

Un gol di Edin Dzeko nel recupero, servito dal classe ’99 Antonucci, permette alla Roma di non perde a Genova. Gara equilibrata. Nel primo tempo rigore di Fabio Quagliarella, giunto a 16 gol in campionato. Roma quinta, a due punti dall’Inter e a cinque dalla Lazio.

FORMAZIONI:

Sampdoria (4-3-1-2): Viviano; Bereszynski, Silvestre, Ferrari, Strinic; Linetty, Torreira, Praet; Ramirez; Quagliarella, Zapata. All. Giampaolo.

Roma (4-3-3): Alisson; Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov; Pellegrini, Strootman, Nainggolan; Defrel, Dzeko, Under. All. Di Francesco.

CRONACA:

Nel recupero della terza giornata di andata la Roma, contro la Genova blucerchiata, viene fermata sul pareggio per 1-1 agguantato nei minuti di recupero grazie al bomber bosniaco, che con molte probabilità nei prossimi giorni volerà a Londra sponda Chelsea. Una partita giocata bene da entrambe le squadra, dove la Roma è tornata a giocare come chiede Di Francesco e gli undici di Gianpaolo hanno disputato un calcio “leggero” come richiesto dal tecnico nella conferenza stampa pre gara. Gli ospiti partono meglio e molto decisi a portar a casa il risultato ma pronti via e Dzeko sbaglia subito una ghiotta occasione, forse le voci di mercato sembrerebbero incidire sulla prestazione, infatti appare anche nervoso. Certo va detto che il direttore di gara ci ha messo del suo nel contribuire al nervosismo in campo con decisioni e gestioni dei cartellini sicuramente non all’altezza di un internazionale. Venendo alla gara la Roma, come detto, parte bene e crea occasioni sprecando molto e non concretizzando la mole di gioco che crea. Di Francesco deve lavorare molto su questo xké una Roma che crea occasioni da gol deve essere più cinica e più precisa, si pensi alle occasioni di Dzeko appunto e poi di Pellegrini e Nainggolan ed altre situazioni che non sono state gestite al meglio dall’undici giaallorosso. Ma alla fine del primo tempo dopo che la Sampdoria non si era mai resa troppo pericolosa ecco che arriva lo svarione grossolano e molto discutibile di Orsato che non fischia un fallo su strootman al limite dell’area doriana, dopo che il suo assistente aveva sbanderiato il fallo il direttore di gara decide di far proseguire e sul ribaltamento di fronte arriva il mani in area di Kolarov che non viene a sua volta visto dall’arbitro. Interviene la var e Orsato concede il rigore, che se non fosse stato viziato da un fallo su Strootman, sarebbe netto. Quagliarella va sul dischetto e la Sampdoria alla fine del primo tempo è in vantaggio. Al rintro dagli spogliatoi la Roma preme sull’acceleratore ma i ragazzi di Gianpaolo trovano anche spazi dove poter impensierire la Roma ma Alisson è attento e molto bravo a sventare le occasioni doriane mentre i suoi compagni non sono altrettanto bravi a concrettizare quanto creato e ad ottimizzare al meglio il gioco espresso. A questo punto dopo il valzer delle sostituzione Di Francesco gioca la carta Antonucci, che prima va vicino al gol disturvato da Dzeko nn riesce buttarla dentro e poi nei minuti di recupero serve un cross al bacio al bomber bosniaco che senza neanche saltare di testa spedisce alle spalle di Viviano e segna un pari meritato per i giallorossi. Sarà stato lultimo gol in maglia giallorpssa di Dzeko? Questo sarà solo il tempo ed il mercato a dircelo, di certo se così fosse, la Roma perderebbe un bomber importate per il cammino in europa e per la corsa all’Europa che conta. Per una piazza come quella della capitale affidare l’attacco ad un giovane di 22 anni è prematuro visto il difficile adattamento che sta incontrando.