La Roma riacciuffa il Milan: 3-3

Il solito Zlatan Ibrahimovic non basta ai rossoneri: la Roma rimonta tre volte lo svantaggio e porta a casa un punto d’oro a San Siro

FORMAZIONI:

Milan (4-2-3-1): Tatarusanu; Calabria, Kjaer, Romagnoli, Hernandez; Bennacer, Kessié; Saelemaekers, Calhanoglu, Leao; Ibrahimovic. All. Pioli.

Roma (3-4-2-1): Mirante; Mancini, Ibanez, Kumbulla; Karsdorp, Pellegrini, Veretout, Spinazzola; Mkhitaryan, Pedro; Dzeko. All. Fonseca.

CRONACA:

La partenza del Milan è fulminea è dopo soli due minuti il match si sblocca: palla scodellata da Leao a centro area, Kumbulla manca l’intervento e Ibra, con una zampata, anticipa Mirante e sigla l’1-0. Regalo prontamente “restituito” dai rossoneri, che al 14’ subiscono il goal del pareggio: calcio d’angolo da sinistra di Pellegrini, Tatarusanu – chiamato a sostituire Donnarumma, risultato oggi positivo al Covid – sbaglia completamente il tempo dell’uscita, il pallone arriva a Dzeko che anticipa Romagnoli e ristabilisce la parità. La partita è equilibrata ma con diversi errori tecnici: il Milan spinge con più insistenza e alla mezzora trova anche un palo, colpito da Kjaer con un colpo di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo.

Vantaggio che i rossoneri ritrovano ad inizio ripresa: assolo irresistibile di Leao, che libera al tiro Saelemaekers, che di prima intenzione spedisce il pallone sotto la traversa. Ma la Roma non si disunisce e al 72’ riacciuffa nuovamente i rossoneri: conclusione di Mkhitaryan, sulla respinta corta di Tatarusanu contatto Pedro-Bennacer che Giacomelli giudica punibile con un calcio di rigore tra le proteste veementi dei rossoneri. Dal dischetto si presenta l’infallibile Veretout che non fallisce. La reazione del Milan è immediata e al 79’ gli uomini di Pioli tornano avanti: scontro in area tra Calhanoglu e Mancini, per l’arbitro è di nuovo rigore, che Ibrahimovic trasforma con freddezza. Ma i colpi di scena non sono finiti e dopo cinque minuti il risultato cambia ancora: angolo da destra per la Roma, Ibra svirgola servendo a Kumbulla il più comodo degli assist per il definitivo 3-3.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter