La Roma umilia il Milan ma é terza

Negli anticipi dell’ultima giornata a San Siro si affrontano Milan e Roma entrambe inseguitrici per i rispettivi obiettivi con radioline su due campi diversi, il Milan chiede ai cugini interisti di fermare il sogno del Sassuolo, la Roma chiede ai vicini ciociari di arrestare un Napoli determinato ad aggiudicarsi il secondo posto.

Per questo big match Brocchi schiera Donnarumma; De Sciglio, Alex, Mexes; Romagnoli; Bertolacci, Locatelli, Kucka; Bonaventura; Bacca, Balottelli. Spalletti risponde con un centrocampo più folto causa l’assenza di Perotti per infortunio e sceglie di non schierare Dzeko, se sarà una bocciatura lo vedremo nei prossimi giorni, di certo non mancano le offerte per il bosniaco soprattutto dall’Inghilterra. L’undici giallorossi è Szczesny; Florenzi, Manolas, Rudiger, Digne; Strootman, De Rossi, Nainggolan; Pjanic; Salah, El Shaarawy.

Primo tempo che vede la Roma protagonista della partita con il pallino del gioco sempre nelle sue mani ma spreca tanto in rapporto alle occasioni create, riesce solo con Salah a portarsi in vantaggio al 19′ minuto. Il Milan tenta di rendersi pericoloso in una sola occasione con Honda senza impensierire il portiere giallorosso, squadre al riposo con la Roma in vantaggio.  Secondo tempo che inizia sulla scia del primo con gli undici di Spalletti che dominano la partita e al 14′ l’ex El Shaarawy firma il doppio vantaggio affossando il Milan. Al 37′ è Emerson che siglando il suo primo gol giallorosso mette la partita in cassaforte, ma come è successo spesso quest’anno i capitolini abbassano la guardia e il Milan con Bacca al 41′ sigla l’unico gol rossonero.

La partita si conclude con la roma vittoriosa per 3-1 e il Milan che per andare in Europa ha bisogno di battere la Juventus in finale di coppa Italia. Roma che nonostante la vittoria giocherà i preliminari della Champions.

Da segnalare la bella prestazione di Donnarumma che con le sue parate evita la goleada della Roma e al fischio finale ecco che San Siro, festeggia tra nostalgia e ringraziamenti l’addio al calcio di un grande ed importante portiere della storia rossonera, quale è stato Abbiati che dopo 15 anni e tanti trofei ha deciso di lasciare il calcio giocato.

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter