La Lazio vince ancora nel recupero, Brescia steso 1-2

I biancocelesti eguagliano il record del febbraio 1999 centrando la nona vittoria consecutiva in campionato: la doppietta del capocannoniere con il sigillo in extremis mette ko un buon Brescia, in 10 per oltre un tempo per il rosso a Cistana dopo il vantaggio di Balotelli

FORMAZIONI:

Brescia (4-3-1-2): Joronen; Sabelli, Cistana, Chancellor, Mateju; Bisoli, Tonali, Romulo; Spalek; Torregrossa, Balotelli. All. Corini.

Lazio (3-5-2): Strakosha; Ramos, Acerbi, Radu; Lazzari, Milinkovic-Savic, Parolo, Correa, Lulic; Caicedo, Immobile. All. Inzaghi.

CRONACA:

La formazione ospite parte bene e va in rete con Caicedo, pronto a deviare sotto porta una conclusione poco precisa di Immobile: la rete viene però annullata per posizione di fuorigioco del centravanti. I padroni di casa prendono allora campo e arrivano con pericolosità dalle parti di Strakosha. Il primo goal del nuovo decennio lo firma Balotelli, che beffa Luiz Felipe in marcatura e infila il diagonale basso del vantaggio. La reazione biancoceleste arriva alla mezz’ora con Caicedo, che viene però fermato da Joronen. Prima dell’intervallo lo stesso numero 20 viene trattenuto in area da Cistana, che commette fallo da rigore e rimedia il secondo giallo, lasciando in dieci i suoi. Dal dischetto Immobile spiazza Joronen e pareggia.

Nella ripresa la Lazio ci prova con Lulic dalla distanza, ma il Brescia tiene benissimo il campo nonostante l’inferiorità numerica e non rinuncia a proporsi in avanti con diversi uomini. Inzaghi manda in campo Jony e Cataldi, ma la più ghiotta palla-goal la confezionano Milinkovic-Savic e Correa: il centrocampista viene murato da Chancellor, poi l’attaccante sfiora il palo da fuori. Nel finale l’Aquila cerca un possesso palla prolungato, ma i movimenti senza palla sono pochissimi e le due linee delle Rondinelle tengono ben chiusi gli spazi. In pieno recupero arriva però la zampata di Immobile, che sfrutta una bella sponda di Caicedo e trova l’angolo basso per l’ennesima vittoria nel finale.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter