La Lazio viene ribaltata in Scozia: il Celtic vince 2-1

Lazio punita eccessivamente in Scozia. Nell’inferno del Celtic Park, Lazzari illude al 40′. Poi, dopo un clamoroso legno di Correa all’ora di gioco e il potenziale raddoppio, la formazione di Simone Inzaghi subisce il ritorno di fiamma degli Hoops con Christie e Jullien: 2-1. Biancoverdi leader del gruppo E con 7 punti

FORMAZIONI:

Celtic (4-3-3): Forster; Abd Elhamed, Ajer, Jullien, Bolingoli-Mbombo; Forrest, Brown, McGregor; Christie, Edouard, Elyounoussi. All. Lennon.

Lazio (3-5-2): Strakosha; Bastos, Vavro, Acerbi; Lazzari, Parolo, Leiva, Milinkovic-Savic, Jony; Correa, Caicedo. All. Inzaghi.

CRONACA:

La partita tra Lazio e Celtic, fin dalle prime battute di gioco, è la classica sfida ‘rognosa’ per i biancocelesti: ritmi non troppo elevati, tanti scontri fisici, poche occasioni ed un pubblico immenso a trascinare la squadra di casa. La Lazio però tiene bene il campo, si chiude con la difesa a cinque e quando guadagna il pallone prova ad innescare i velocisti Jony e Lazzari e la fantasia di Correa. In tutto questo Caicedo fa a sportellate con tutti, cercando di tenere in alto i palloni che arrivano dalla difesa. Gli uomini di Simone Inzaghi trovano il vantaggio proprio con una giocata di contropiede: al 40′ Correa porta palla centralmente in una ripartenza, serve Lazzari che si inserisce dalla destra e con un tiro molto potente trafigge Forster.

Il Celtic nella ripresa entra in campo con nuove forze. Attacca con molta veemenza e dopo un palo colpito da Christe, lo stesso trequartista batte Strakosha con un mancino piazzato da dentro l’area di rigore. La Lazio si torna a svegliare a circa mezz’ora dal termine, anche grazie agli ingressi di Immobile e Lulic. Simone Inzaghi strozza l’esultanza quando Correa becca il legno della porta scozzese, a tu per tu con Forster. E questo palo resterà come un grosso rimpianto per la Lazio. Perché ad un minuto dalla fine, in occasione di un corner per il Celtic, Jullien salta da solo in area piccola e batte Strakosha con un colpo di testa.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter