La Lazio supera bene il Genoa: 4-2 e vola ai quarti di Coppa Italia

In vantaggio per 2-0 grazie a Filip Djordjevic e Wesly Hoed, la Lazio si fa raggiungere in pochi minuti da Mauricio Pinilla e Goran Pandev. Decisivo l’ingresso di Ciro Immobile e Sergej Milinkovic-Savic: un gol a testa e la Lazio vola a Milano.

FORMAZIONI:

Lazio (4-3-3): Strakosha; Gabarron, Wallace, Hoedt, Lukaku; Parolo, Biglia, Lulic; Lombardi, Dordevic, Anderson. All. Inzaghi.

Genoa (3-4-3): Lamanna; Munoz, Burdisso, Orban; Lazovic, Rigoni, Cofie, Laxalt; Ocampos, Pinilla, Pandev. All. Juric.

CRONACA:

La Lazio ha le idee chiare in mente: chiudere subito la pratica e preservarsi per la Juventus. Il piano di Inzaghi sembra anche riuscire in un primo momento. I suoi ragazzi, infatti, trovano il vantaggio al 20esimo con il ritorno al goal di Djorjevic, che supera Lamanna in uscita con un toccosotto sull’imbucata di Felipe Anderson. La rete sblocca mentalmente i biancocelesti, che con Lombardi sfiorano il raddoppio. Il 2-0 è solo rinviato e sembra poter maturare quando Orban affossa Djordjevic in area di rigore, ma dal dischetto Felipe Anderson esalta i riflessi del portiere ospite che, tuttavia, nulla può sulla conclusione mancina di Hoedt che s’infila sotto il sette. Quando il primo tempo sembra indirizzarsi verso l’intervallo si sveglia il Genoa. E che risveglio. Prima è Pinilla a controllare dentro l’area di rigore e superare Strakosha con uno splendido sinistro a giro all’incrocio. Quindi arriva il goal dell’ex di Pandev. Il macedone si rende autore di un controllo di palla magistrale in area per poi infilare per la seconda volta la porta biancoceleste. E’ la rete dell’incredibile pareggio che ammutolisce l’Olimpico.

Come prevedibile ad inizio ripresa Inzaghi prova immediatamente a rimettere in careggiata la Lazio, inserendo Immobile e Milinkovic Savic. La gara è equilibrata, con il Genoa che sogna il colpaccio. Fino ad arrivare a sfiorarlo. Ocampos s’inventa un destro velenoso dal limite dell’area di rigore che termina sul legno sotto gli occhi increduli dei suoi tifosi. Quello che poteva essere il colpo del ko per la Lazio, si trasforma nella scintilla che fa risorgere la squadra. Ed in questo senso i cambi effettuati da Inzaghi assumono una valenza straordinaria. Milinkovic Savic ha il merito di approfittare nel migliore dei modi dell’errore in disimpegno di Orban per riportare la sua squadra avanti nel risultato. La ciliegina sulla torta viene, però, servita da Immobile che mette il punto dopo aver duettato a puntino con Lukaku. Ai quarti di finale ci vanno i biancocelesti, dove incontreranno l’Inter.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter