La Lazio riprende l’Inter: 1-1

Pareggio nel big match dell’Olimpico, dove succede di tutto: i nerazzurri passano in vantaggio nel primo tempo con l’argentino, ma vengono ripresi dal serbo all’inizio della ripresa. Palo di Brozovic nel finale. Espulsi Immobile e Sensi, entrambi per una reazione

FORMAZIONI:

Lazio (3-5-2): Strakosha; Gabarron, Acerbi, Radu; Lazzari, Milinkovic-Savic, Leiva, Alberto, Marusic; Correa, Immobile. All. Inzaghi.

Inter (3-5-2): Handanovic; Skriniar, De Vrij, Bastoni; Hakimi, Barella, Vidal, Gagliardini, Perisic; Lukaku, Martinez. All. Conte.

CRONACA:

L’inizio dell’Inter, come spesso accade, vede una squadra che spinge il piede sull’acceleratore senza fare mai calcoli. Il tempo di prendere le misure alla Lazio, di rischiare su in tiro di Luis Alberto, e i nerazzurri si portano in vantaggio dopo mezz’oradi gioco: Lautaro Martinez pulisce una palla sporca di Perisic, si gira a infila Strakosha, che tocca solamente. La Lazio comincia a subire il colpo e deve fare i conti anche con gli infortuni di Radu e Marusic per infortunio, rilevati da Bastos e Fares. Proprio dalla fascia destra dell’Inter arrivano i pericoli maggiori, con Hakimi e Lukaku che si sposta sempre su quel versante. Ma nella ripresa cambia tutto, proprio in avvio.

L’Inter sciupa il colpo del possibile raddoppio con un tiro di Lukaku, servito perfettamente da Lautaro. I nerazzurri a poco a poco si disuniscono e la Lazio comincia a macinare grande calcio e occasioni da goal. La rete, nell’aria da un po’, arriva con la specialità di casa di Milinkovic-Savic: il colpo di testa prepotente su un immobile Ivan Perisic in marcatura. A venti minuti dalla fine poi un altro turning-point della partita: l’arbitro espelle Immobile, reo di aver reagito con una manata sul volto di Vidal, durante un alterco tra i due. Conte butta nella mischia Sensi, Brozovic, Sanchez, D’Ambrosio e Young. Gli attacchi dell’Inter comunque latitano e sicuramente non si tratta della squadra esplosiva vista contro il Benevento qualche giorno fa. La Lazio a questo punto si copre con gli ingressi di Akpa Akpro ed Escalante, l’Inter non risece più a trovare spazi. Nel finale nuova baraonda, come successo con Vidal e Immobile: Sensi e Patric vengono a contatto, l’italiano reagisce e finisce sotto la doccia. Le squadre finiscono una partita sporca in dieci contro dieci, con un punto a testa.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter