La Juventus vince 2-0 sul Cagliari

La Juventus segna un gol per tempo e porta a casa un match tenuto quasi sempre sotto controllo. In rete Leonardo Bonucci, di testa, e Moise Kean, che prosegue il momento d’oro. Juventus momentaneamente a +18 sul Napoli

FORMAZIONI:

Cagliari (4-3-1-2): Cragno; Srna, Ceppitelli, Pisacane, Lykogiannis; Faragò, Cigarini, Ionita; Barella; Joao Pedro, Pavoletti; All. Maran.

Juventus (3-5-2): Szczesny; Caceres, Bonucci, Chiellini; De Sciglio, Can, Pjanic, Matuidi, Alex Sandro; Kean, Bernardeschi. All. Allegri.

CRONACA:

Alla Sardegna arena la Juventus, Stasera è chiamata a mettere uno degli ultimi mattoncini sul muro dello scudetto, di fronte un Cagliari in salute, difficilmente superabile in casa e che vorrò sfatare il tabu’, i sardi non battono i bianconeri da dieci anni.

Rispetto alla vittoria di Verona, Maran cambia i terzini, fuori Cacciatore e Pellegrini dentro Srna e Lykogiannis, per il resto tutto confermato, Barella alle spalle di Joao Pedro e Pavoletti; Allegri in piena emergenza infermeria è costretto a reinventarsi il reparto offensivo, con l’inedito tandem Kean-Bernardeschi, torna Bonucci e viene concessa una chance a Caceres, sulla destra spazio a De Sciglio al posto di Cancelo.

Partenza a razzo dei Sardi come da previsione, con ritmi di gioco molto sostenuti, aggredendo subito i bianconeri, ma non creando particolari pericoli dalle parti di Szczesny.

Il primo squillo del match lo offre la Vecchia Signora, all’11’ bel traversone di Pjanic che taglia tutta l’area rossoblu, finendo sui piedi di Caceres, la coordinazione dell’ ex Lazio non è perfetta per la battuta, ma costringe comunque Cragno ad un colpo di reni decisivo che salva gli isolani.

Il Cagliari prova a reagire ma in modo sterile, protagonisti solo di un paio di folate offensive a cercare l’incornata giusta di Pavoletti, ma la retroguardia bianconera è attenta.

Al 22′ il risultato si sblocca, sugli sviluppi di un corner battuto alla perfezione da Bernardeschi, Bonucci stacca indisturbato è di testa infila alle spalle di Cragno per il vantaggio ospite.

Momento non semplice per i rossoblu che dopo il gol subito, si riversano tutti all’attacco,concedendo però  spazi agli esterni Juventini, infatti da un cross di De Sciglio nasce un altra occasione che non viene però sfruttata da Matuidi che manda di poco a lato.

Sardi che non demordono e provano a far male alla retroguardia bianconera, al 39′ Pavoletti vince il duello con Chiellini e serve Barella che appoggia immediatamente per Joao Pedro al centro dell’area, ma clamorosamente il tiro di prima intenzione del brasiliano non trova la porta e termina alto.

Seconda frazione molto più tranquilla dove gli uomini di Allegri cercano di abbassare i ritmi di fatto addormentando la partita il Cagliari nonostante un buon pressing non riesce a cambiare l’inerzia della partita.

La Vecchia Signora si rende pericolosa all’improvviso prima con un lancio calibrato di Pjanic per Kean che non ne approfitta di un incomprensione dei difensore sardi e in mezzo a due non riesce a superare Cragno, e poco dopo bella incursione di Matuidi che entra in area e serve Bernardeschi  che a botta sicura, spara in porta, ma tra lui e il gol c’é di mezzo Moise Kean che incredibilmente stoppa il tiro salvando i rossoblu.

Il millenials si fa perdonare qualche minuto più tardi, Al 85′ Emre Can ha spazio appoggia all’appena entrato Bentancour che da posizione defilata, piazza un passaggio delizioso in mezzo all’area per l’inserimento a rimorchio del gioellino azzurro che ribadisce in rete, calando giù il sipario sull’incontro.

Finisce 2-0 nonostante le tantissime assenze la Juventus si avvicina ancora di più all’ottavo scudetto consecutivo, un buon test in vista degli impegni più difficili dei prossimi giorni Milan e Ajax.

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter