La Juventus saluta Buffon e batte l’Hellas Verona : 2-1

Dopo 6111 termina l’avventura di Buffon con la Juventus. Applausi e lacrime per un mito del calcio italiano. Daniele Rugani e Miralem Pjanic firmano il successo per la Juventus numero 30 in questo campionato. Grande festa per il settimo titolo consecutivo. Solo per le statistiche il gol finale di Alessio Cerci. Lichtsteiner, anche lui ai saluti, si fa parare un rigore da Nicolas a 5′ dalla fine.

FORMAZIONI:

Juventus (4-3-3): Buffon; Lichtsteiner, Rugani, Barzagli, Alex Sandro; Pjanic, Marchisio, Sturaro; Dybala, Mandzukic, Costa. All. Allegri.

Hellas Verona (4-4-2): Nicolas; Romulo, Caracciolo, Ferrari, Souprayen; Aarons, Fossati, Danzi, Fares; Matos, Cerci. All. Pecchia.

CRONACA:

E’ monologo zebrato. Ritmo globale tutto fuorché significativo, ma la qualità juventina è sempre imponente. Mandzukic di testa, Dybala a provarci dalla distanza, Douglas Costa da posizione defilata. Ed è sempre il croato ad andare vicino alla rete, fermato solamente da una prodezza di Nicolas. In chiusura di primo tempo, tramite una giocata delle sue, la Joya colpisce il legno con un soffice pallonetto. Sturaro, per un problema fisico, è costretto a lasciare il campo a Bentancur.

Nella ripresa salgono decisamente in cattedra i campioni d’Italia. Ci pensa Rugani a sbloccarla, supportato da una gemma di Pjanic. Minuto 64: Buffon, all’insegna dalle standing ovation, riceve l’abbraccio dell’intero Stadium: commozione vera. Cerci la riapre, Lichtsteiner non la chiude fallendo l’appuntamento con il rigore. Per i tifosi juventini va bene così: è tempo di festeggiamenti e sentimenti.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter