La Juventus non si ferma più: 2-0 all’Empoli

Grazie ad un autogoal di Skorupski e ad una rete di Alex Sandro la Juventus infila l’ennesima vittoria e si porta momentaneamente a +10 dalla Roma. Sono un tempo di attesa per la Juventus, che nella ripresa archiviano la pratica Empoli in scioltezza.

FORMAZIONI:

Juventus (4-2-3-1): Neto; Alves, Bonucci, Rugani, Alex Sandro; Marchisio, Pjanic; Cuadrado, Mandzukic, Sturaro; Higuain. All. Allegri.

Empoli (4-3-1-2): Skorupski; Laurini, Bellusci, Costa, Pasqual; Mauri, Diousse, Krunic; El Kaddouri; Marilungo, Pucciarelli. All. Martusciello.

CRONACA:

La prima occasione della partita capita sui piedi di Higuain, il cui destro viene bloccato da Skorupski. Juventus ad imporsi nella fase embrionale, testa di Mandzukic e palla sopra la traversa. E’ sempre il croato a rendersi pericoloso, non riuscendo a trovare clamorosamente la porta da due passi. Ritmo non elevato, Empoli a proporre il suo consueto possesso, bianconeri proiettati a dosare le energie in vista della sfida di Coppa Italia contro il Napoli. El Kaddouri, operando tra le linee, crea qualche problema alle letture difensive dei padroni di casa. Truppa zebrata imprecisa, Alex Sandro in particolar modo, Allegri per nulla contento dell’atteggiamento proposto dai suoi. Un cross al bacio di Dani Alves, per poco, non trova l’appuntamento con il goal grazie alla deviazione di Mandzukic. L’Empoli tiene botta, senza neanche troppe apprensioni, assetto ordinato e preposto con interessante diligenza alla doppia fase. Mandzukic, innescato magistralmente da Higuain, si divora l’occasione delle occasioni. Pipita generoso e altruista, altro tocco invitante verso l’ariete croato, altro tentativo non vincente. Un destro a giro di Pjanic spaventa l’estremo difensore dei toscani. Squadre al riposo sullo 0-0.

Bonucci, di pura chiusura, all’inizio della ripresa disinnesca una potenziale palla goal per gli ospiti. Torre di Mandzukic, sinistro di Higuain semplice da bloccare per Skorupski. L’Empoli, per nulla intimorito dall’impegno, si spinge in avanti con José Mauri; nello specifico Neto risponde presente. In un’apparente fase di stanca, la apre il croato con una potente zuccata. Madama, anche dopo aver trovato il vantaggio, concede qualcosa, ma El Kaddouri non trova lo specchio. Dal nulla, a testimonianza di come il profilo sia eccelso, Alex Sandro trova il goal avendo gioco facile su Laurini: doppio vantaggio ed Empoli al tappeto. Il Pipita, alla ricerca del ventesimo goal in campionato, non riesce a trovare il guizzo. Martusciello va di doppio cambio: Veseli e Thiam per Laurini e Marilungo. Tra le fila bianconere c’è spazio per Dybala al posto di Sturaro. Buchel, con un passato nella Primavera della Juventus, trova qualche minuto rimpiazzando José Mauri. La partita diventa noiosa, sostituzioni al potere: Rincon per un applauditissimo Marchisio, Pjaca al posto di Cuadrado. Qualche lampo di classe qua e là targato Dybvala, triplice fischio e bianconeri a consolidare il primato.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter