La Juventus la ribalta 1-2 all’Udinese

Una Juventus impalpabile per oltre 80′ di gioco, raddrizza la pessima giornata di Udine, caratterizzata dal vantaggio in apertura di partita firmato Nahuel Molina. Poi, all’83’ su punizione di Cristiano Ronaldo – fin lì tra i peggiori – viene deviata in area dal braccio di de Paul, paradossalmente il migliore. Dal dischetto CR7 realizza e replica di testa all’89’. E’ balzo Champions

FORMAZIONI:

Udinese (3-5-1-1): Scuffet; Becao, Nuytinck, Bonifazi; Molina, De Paul, Walace, Arslan, Stryger Larsen; Pereyra; Okaka. All. Gotti.

Juventus (4-4-2): Szczesny; Danilo, Bonucci, De Ligt, Alex Sandro; Cuadrado, McKennie, Bentancur, Bernardeschi; Dybala, Ronaldo. All. Pirlo.

CRONACA:

Il primo tempo proposto dalla Juve, come ormai da consuetudine, è pressoché il niente mischiato al nulla. E nel goal di Molina, il secondo in stagione dopo quello rifilato al Benevento, c’è l’intera fotografia della stagione: un’accozzaglia di individualità, mal-settata sulle giuste frequenze, che si fa sorprendere – con uno Szczesny disattento – su una lettura tanto prevedibile quanto banale. La reazione? In un colpo di testa da posizione favorevole di McKennie, e da un destro – deviato – di Dybala. Insomma, troppo poco.

In avvio di ripresa è ancora l’Udinese a sfiorare la rete: mancino di Arslan fuori di poco. Così come Stryger Larsen con un a destro giro spaventa, e non poco, Szczesnuy e soci. Da segnalare due sussulti di orgoglio targati CR7. Prima dal dischetto, poi di testa. Debutto nel finale per Felix Correia, ex Manchester City. E per la Juve può andare bene così. Ma quanto fatica…

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter