La Fiorentina viene salvata da Zarate.

Allo stadio Artemio Franchi di Firenze va in scena Fiorentina – Carpi.

FORMAZIONI:
Il tecnico viola Paulo Sousa si schiera con il consueto 3-4-1-2 nel quale la linea difensiva davanti a Tatarusanu é composta da Tomovic, Rodriguez e Astori. A centrocampo Blaszczykowski e l’esordiente Tello sugli esterni, Vecino e Valero in mediana. In attacco Ilicic e Fernandez giocano a supporto dell’unica punta Kalinic.
Castori risponde con un 3-5-2 nel quale la linea difensiva davanti a Belec é composta da Poli, Suagher e Gagliolo. Pasciuti e Letizia sugli esterni, Crimi, Cofie e Lollo in mediana. La coppia d’attacco é formata da Mbakogu e Mancosu
CRONACA:
Bastano meno di due minuti alla Fiorentina per portarsi in vantaggio: Ilicic serve Valero che salta un avversario e conclude con precisione sul primo palo battendo Belec. Il Carpi reagisce al 6′, Mancosu viene dimenticato dalla difesa viola e mette in mezzo per Mbakogu che però sbaglia il controllo. Curiosità per il nuovo acquisto Tello, molto attivo nei primi minuti: prima serve a Kalinic un buon pallone che il croato non finalizza, successivamente si fa vedere lui stesso in zona d’attacco ma viene chiuso da Pasciuti. Gli ospiti soffrono, ma al 19′ hanno una clamorosa occasione con Mancosu, bravo ad approfittare dell’errore della difesa viola ma fermato da Tatarusanu con un intervento provvidenziale. Al 34′ altra occasione importante per i biancorossi: Mbakogu effettua un perfetto traversone per la testa di Lollo che però spreca malamente; le ultima palle goal del primo tempo sono di marca fiorentina: prima un destro dalla distanza di Fernández, reso ancora più insidioso dal forte vento, poi un colpo di testa di Rodriguez, ma in entrambi i casi Belec è bravissimo.
Seconda frazione che vede ancora la Fiorentina in avanti, ma al 9′ il Carpi ha l’ennesima occasione per il pareggio, stavolta l’errore è di Cofie che pochi secondi dopo lascia il posto a Bianco. Al 16′ Tello lascia spazio a Bernardeschi, Castori invece inserisce Lasagna al posto di uno stanco Mancosu; la partita però è in fase di stallo e allora il tecnico degli ospiti aumenta il potenziale offensivo della squadra inserendo Di Gaudio per Crimi. I cambi di Castori sortiscono subito effetto: Tomovic perde palla sulla fascia destra, Di Gaudio la recupera e mette in mezzo per Lasagna che di sinistro pareggia i conti. Il goal galvanizza il Carpi e Mbakogu va vicino all’incredibile 1-2, Sousa sostituisce l’ottimo Ilicic con Zarate ma la Fiorentina fa fatica. L’assedio finale dei padroni di casa produce un’opportunità per Bernardeschi, il cui sinistro termina a lato di poco, e in pieno recupero il gol del 2-1 di Zarate che con un destro a giro dal limite fa esplodere il Franchi e regala 3 punti preziosi ai suoi.
La Fiorentina resta ancora al terzo posto e ad un sogno chiamato Champions League, il Carpi sempre più vicino alla serie B.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter