La Fiorentina rallenta la corsa dell’Atalanta: é 0-0

L’Atalanta gioca meglio nel primo tempo e ci prova di più nel finale, ma alla fine non riesce a sfondare la difesa della Fiorentina.

FORMAZIONI:

Atalanta (3-4-2-1): Berisha; Toloi, Caldara, Masiello; Conti, Kurtic, Freuler, Spinazzola; D’Alessandro, Gomez; Petagna. All. Gasperini.

Fiorentina (3-4-2-1): Tatarusanu; Sanchez, Rodriguez, Astori; Chiesa, Vecino, Badelj, Tello; Ilicic, Valero; Kalinic. All. Sousa.

CRONACA:

L’Atalanta parte a mille all’ora e mette fin da subito in chiara difficoltà i viola. Spinazzola è scatenato e con le sue percussioni fa vedere i sorci verdi a Sanchez, apparso spaesato in più occasioni. Petagna mette i brividi a Tatarusanu con un diagonale rasoterra che termina non di molto a lato del palo, risponde Kalinic con un’incornata imprecisa da ottima posizione all’interno dell’area. Gomez avrebbe una grossa opportunità per timbrare il cartellino ma non la sfrutta: assist perfetto di Petagna per ‘El Papu’ che si perde, in maniera clamorosa, davanti a Tatarusanu. Dopo i rischi e pericoli corsi nella prima parte dell’incontro, la Fiorentina inizia pian piano ad uscire dalla sua metà campo creando qualche patema all’Atalanta. L’occasione migliore capita sui piedi di Tello che spara però addosso a Berisha dopo aver seminato un paio di avversari. Ci prova anche Vecino con una conclusione velleitaria dai 25 metri, molto più insidioso invece il colpo di testa ravvicinato di Toloi, murato dalla difesa toscana che spazza con prontezza anticipando anche il successivo intervento di Kurtic.

La Fiorentina dimostra di essere migliorata rispetto ai primi minuti di gioco ed effettivamente trova anche la via del goal con Kalinic, pizzicato in posizione di fuorigioco dall’assistente dell’arbitro dopo aver battuto Berisha con una bella rovesciata. La risposta dei padroni di casa è affidata all’ottimo Toloi: il difensore brasiliano calcia di prima intenzione dall’interno dell’area viola ma colpisce in malo modo il pallone che si perde sul fondo. Molto più pericolosa la conclusione dal limite di Freuler: nell’occasione decisivo Tatarusanu che si allunga e devia in corner. Gasperini toglie Kurtic per inserire Mounier, Sousa risponde con l’ingresso in campo di un Bernardeschi non nella migliore condizione al posto di Chiesa. Il protagonista assoluto è però il portiere viola Tatarusanu, semplicemente miracoloso sul tentativo ravvicinato di Petagna: l’estremo difensore rumeno è bravo anche a smanacciare tempestivamente il pallone che stava per varcare la linea di porta; sul proseguire dell’azione, chance anche per il nuovo entrato Grassi che colpisce di leggero esterno destro dal limite dell’area, senza trovare lo specchio della porta. Poco prima del 90′ Sousa si gioca anche la carta Babacar, inutile però per cambiare il risultato.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter