L’Inter sbanca il Matusa, decide Icardi

Grande partita per l’Inter a Frosinone

Formazioni Frosinone – Inter

Frosinone (4-3-3): Leali; Rosi, Ajeti, Blanchard, Pavlovic; Gori (26′ st Chibsah), Gucher (35′ st Longo), Frara; Paganini, D. Ciofani, Kragl (28′ st Carlini). All. Stellone

Inter (4-4-2): Handanovic; D’Ambrosio, Murillo, Juan Jesus, Alex Telles (42′ st Santon); Biabiany, Felipe Melo (41′ st Medel), Brozovic, Perisic; Jovetic ( 45′ st Palacio), Icardi. All.: Mancini

Arbitro: Tagliavento

Per riprendersi dalla sconfitta di domenica scorsa contro il Torino, Mancini cambia ancora formazione e torna ad un 4-4-2 con la coppia d’attacco formata da Jovetic e Icardi. I nerazzuri partono molto bene nella prima frazione di gioco grazie ad un Perisic ispiratissimo che molto spesso guadagna il fondo e mette dentro palloni interessanti che gli attaccanti interisti non riescono a trasformare in gol. La squadra di Stellone però regge molto bene, e, grazie anche al calo dei ragazzi di Mancini, riesce a rendersi pericolosa in più occasioni con Frara e Kragl che sporcano i guanti di Handanovic.

Nella ripresa l’Inter torna in campo con le stesse difficoltà con cui aveva chiuso il primo tempo: Icardi sembra molto in difficoltà, ed anche gli spunti degli esteri vengono meno. Il Frosinone allora ci crede, e sfiora il gol al minuto 62 con un colpo di testa di Paganini che batte il portiere avversario ma si infrange sul palo. Passano solo dieci minuti ed i padroni di casa vanno ancora vicinissimi al gol: Pavlovic su punizione disegna una traiettoria perfetta, il pallone supera la barriera e batte Handanovic, ma ancora una volta il legno nega la gioia ai ciociari. Due minuti dopo, però, è l’Inter che passa in vantaggio grazie ad Icardi che, sfruttando un’ottimo cross di Perisic, anticipa tutti e di testa mette la palla all’incrocio dei pali. La partita si fa dura per il Frosinone che a dieci minuti dalla fine è costretto a giocare in inferiorità numerica per l’espulsione d Balnchard. Gli uomini di Stellone non crolla, ma anzi sfiorano il gol del pareggio con Ciofani.

La partita, dunque, consegna i tre punti ai nerazzurri, che con molta fortuna sbancano il Matusa. Per il Frosinone rimane tanta amarezza, l’ottima prestazione fornita dagli uomini di Stellone avrebbe meritato sicuramente qualcosa di più che gli applausi del proprio pubblico a fine partita per l’impegno mostrato.

About the Author

Federico Pagano
Studente di Scienze Politiche presso l'Università degli Studi di Siena. Un passato da calciatore non troppo fortunato, ma che non ha scalfito la passione per lo sport e per il calcio. Forte dipendenza per le serie tv ed il cinema in generale.

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter