Juventus tutto facile con il Chievo: 3-0

La Juventus torna a più 9 in classifica sul Napoli. Allo Stadium agevole successo sul Chievo. Unico neo il rigore parato da Sorrentino a Ronaldo

FORMAZIONI:

Juventus (4-4-2): Perin; De Sciglio, Rugani, Chiellini, Alex Sandro; Bernardeschi, Can, Matuidi, Costa; Dybala, Ronaldo. All. Allegri.

Chievo (4-1-2-1-2): Sorrentino; Depaoli, Tomovic, Rossettini, Bani; Radovanovic; Hetemaj, Kiyine; Giaccherini; Meggiorini, Pellissier. All. Di Carlo.

CRONACA:

Una vittoria per continuare la fuga e tornare a +9 sul Napoli, la Juventus ospita il Chievo nel più classico dei testacoda in una partita che, dopo l’ultimo periodo positivo per i veneti, può nascondere diverse insidie, ne è una prova la partita di andata dove i bianconeri hanno vinto 3-2 all’ultimo respiro.

Allegri opta per il 4-4-2, con  Perin tra i pali, e fa riposare Cancelo e Bonucci al loro posto De Sciglio e Rugani, a centrocampo chance per Emre Can e Bernardeschi, in avanti la coppia di attacco Ronaldo-Dybala; nel Chievo spazio all’ ex Giaccherini, che agirà alle spalle del duo formato da Pellissier e Meggiorini.

Avvio di gioco dove il Chievo sembra dare l’idea di potersi rendere pericoloso nelle ripartenze, infatti dopo 4 minuti la prima occasione del match è di marca veneta, Hetemaj serve con un filtrante dalla trequarti Meggiorini, che approfitta di un incertezza di Chiellini, trova spazio in area e calcia nello specchio della partita costringendo subito Perin a sporcarsi i guantoni deviando una conclusione non facile.

Bianconeri che faticano a trovare spazi complici i clivensi che sono ben messi in campo e riescono ad arginare le avanzate dei padroni di casa; ci vuole qualche giocata individuale per poter cambiare l’inerzia della gara, al 13′ Dybala serve Douglas Costa, parte in velocità da centrocampo, li punta tutti e dai 20 metri fa partire un bolide che si insacca all’angolino alla sinistra di Sorrentino, primo sigillo del brasiliano in campionato.

I gialloblu provano a mostrare segni di reazione ma gli spazi sono tutti i chiusi, sono ancora i padroni di casa a rendersi pericolosissimi sempre con una azione in velocità questa volta orchestrata da Bernardeschi sulla sinistra, entra in area prova a servire Ronaldo al centro dell’area, ma il passaggio viene rimpallato favorendo l’ex viola alla conclusione che viene salvata da un grande intervento di Bani in scivolata che evita il raddoppio juventino.

Trentacinquesimo minuto altra occasione per i Campioni d’Italia, CR7 serve l’ottimo Bernardeschi che dal limite calcia, ma Sorrentino nonostante la conclusione sia stata deviata da uno dei suoi e istintivo e di piede evita il peggio, Raddoppio che arriva 10 minuti più tardi, azione spettacolare della Joya, che centralmente punta tutti gli avversari di fronte a lui, tunnel sotto le gambe di Bani, innescando l’inserimento di Emre Can e con grande freddezza di destro infila all’angolino per il 2-0.

Ripresa che parte sempre con la Vecchia Signora in completo controllo e sfiorano al 48′ il terzo gol, azione avvolgente che termina con un traversone del solito Douglas Costa a cercare Alex Sandro tutto solo in area piccola,  però il suo colpo di testa è deviato da un grandissimo intervento di Sorrentino.

Al 51′ altro episodio importante del match, l’arbitro Piccinini fischia la massima punizione per la juve, per un presunto mani di Bani su conclusione di Costa, va Ronaldo dal dischetto, conclusione potente ed angolata ma Sorrentino ci arriva lo stesso compiendo un autentico miracolo e tenendo il Chievo ancora in partita.

I veneti dopo il rigore sembrano aver preso più coraggio e provano a sfondare il muro bianconero, e sfiorano due volte la possibilità di riaprire la partita, prima con Meggiorini, servito da Giaccherini, e tutto solo in area ma impatta male il pallone di testa spedendolo in bocca a Perin e poi pochi minuti più tardi con Rossettini che innescato da Tomovic, calcia da posizione ragguardevole, il tiro è insidioso e per poco non beffa il numero 22 Bianconero che è costretto ad un super intervento deviando in corner.

Allegri arrabbiatissimo scuote i suoi e nel giro di pochi minuti sfiorano il terzo gol prima con Bernardeschi con un tiro a giro che sfiora l’incrocio dei pali e poi con Ronaldo che imbeccato da Dybala, davanti a Sorrentino calcia a lato confermando che non è serata per lui oggi.

All’ 84′ arriva la terza rete della Vecchia Signora, Punizione di Bernardeschi, una sorta di Corner corto, pallone morbido per la testa di Rugani che deve solo appoggiare in rete, primo rete anche per lui in questo campionato.

Altra vittoria per i bianconeri, inarrestabili in campionato, da sottolineare questa sera l’ottima prova di Emre Can e il ritorno al gol di Douglas Costa, fondamentale adesso più di prima visto la grave di assenza di Mandzukic, ottima prova di Bernardeschi che sta tornando agli standard  di inizio stagione.

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter