Juventus poco brillante: con l’Udinese é 2-1

Udinese avanti con Jankto, poi Dybala ribalta il risultato tra fine primo tempo ed inizio ripresa con due gol da fermo, uno su punizione e uno su rigore. Juventus poco brillante, centrocampo in difficoltà e prestazione di squadra rivedibile.

 

FORMAZIONI

JUVENTUS (4-4-2): Buffon, Lichtsteiner, Benatia, Barzagli, Evra; Cuadrado, Lemina, Hernanes, Alex Sandro; Dybala, Mandzukic. Allenatore: Allegri.

UDINESE (4-3-3): Karnezis; Wague, Danilo, Felipe, Samir; Jankto, Kums, Fofana; Thereau, Zapata, De Paul. Allenatore: Delneri

CRONACA

Partendo da una rivoluzione tecnica attraverso lo schieramento di un innovativo 4-4-2, Allegri vuole allungare sulle rivali cercando di ottenere l’ennesima vittoria in campionato. Tuttavia la Juventus che si presenta allo Stadium non convince e non risulta essere all’altezza delle aspettative. Il centrocampo non brilla, con Hernanes e Lemina poco lucidi e senza idee nella circolazione di palla. Col passare dei minuti, infatti, i padroni di casa perdono il controllo del gioco e l’Udinese inizia a crescere, riuscendo ad ottenere sempre più spazi e ad affacciarsi dalle parti di Buffon. I pericoli per la retroguardia juventina aumentano e i friulani si fanno sempre più pericolosi fino ad ottenere il meritato vantaggio, legato anche a diverse disattenzioni dei giocatori juventini. Il gol degli ospiti scaturisce da un errore di Hernanes che perde goffamente palla anticipato da Jankto il quale da fuori area fa partire un tiro per nulla impossibile ma che per una disattenzione di Buffon si insacca oltre la rete. La reazione della Juve  non si fa attendere ma è dettata più dalla rabbia che dalla lucidità. Il pareggio comunque arriva prima dello scadere del primo tempo grazie ad un grandissimo Dybala che al 43′ da punizione insacca un gol spettacolare. La seconda frazione di gioco vede la Juve scatenata e alla ricerca furiosa del vantaggio. Vantaggio che nel giro di 6 minuti arriva. Al 51′ De Paul atterra Alex Sandro e l’arbitro deve concedere il calcio di rigore. Dal dischetto si presenta Dybala che non sbaglia e buca la rete mettendo la sua firma sul vantaggio juventino. La restante parte della partita vede la Juventus mantenere e difendere, non senza difficoltà e sacrifici, il vantaggio fino al 90′. Nonostante la mancanza di lucidità tre e di uno stile di gioco raffinato, la squadra di Allegri riesce comunque ad ottenere i 3 punti e a allungare sulla Roma, ora distante ben 5 lunghezze.

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter