Juventus in orbita: Inter ko: 1-0

Juventus's Juan Cuadrado jubilates after scoring the goal during the Italian SERIE A soccer match Juventus vs Inter at Juventus Stadium in Turin, Italy, 5 February 2017 ANSA/ALESSANDRO DI MARCO

L’Inter disputa una buona gara, ma la legge dello Juventus Stadium premia la Juventus: decisivo Juan Cuadrado alla fine del primo tempo.

FORMAZIONI:

Juventus (4-2-3-1): Buffon; Lichtsteiner, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic; Cuadrado, Dybala, Mandzukic; Higuain. All. Allegri.

Inter (4-2-3-1): Handanovic; Murillo, Medel, Miranda, D’Ambrosio; Gagliardini, Brozovic; Candreva, Joao Mario, Perisic; Icardi. All. Pioli.

CRONACA:

Andamento intenso fin dalla fase embrionale, Dybala in acrobazia ad impegnare l’attento Handanovic. Il primo ammonito dell’incontro, per fallo tattico sulla Joya, è Candreva. Spazi aperti, ne giova lo spettacolo, altissima la posta in palio per entrambe le compagini. E’ sempre il numero 21 bianconero a deliziare il pubblico dello Stadium, suo il sinistro delicato che accarezza la traversa. L’Inter palesa grande ordine e, dagli sviluppi di un corner, per poco non trova il vantaggio con una bella girata di Gagliardini. I nerazzurri con il trascorrere dei minuti acquisiscono fiducia, vedi il sussulto di Joao Mario che sfiora il palo alla destra di Buffon. Ottimi duelli in mezzo al campo, qualità eccelsa per entrambe le truppe, giocate di spessore e agonismo nei canoni della correttezza. Perisic a cercare la superiorità numerica sulla fascia d’appartenenza, Gagliardini a tentare ripetutamente l’inserimento tra le linee. Higuain non impatta in maniera consona post ottima intuizione di Alex Sandro. I nerazzurri, cresciuti vistosamente grazie alla cura Pioli, dimostrano grande personalità. Mandzukic di testa risparmia Handanovic. Zero soste. Icardi – bestia nera per la difesa bianconera – con un tocco di destro spaventa Buffon. Handanovic si supera su una punizione di Pjanic. Ma, poco dopo, è una prodezza di Cuadrado a portare in vantaggio Madama: destro potente e preciso a fulminare l’estremo difensore interista.

Juventus proiettata a fare la partita nelle battute iniziali della ripresa, Inter attenta a chiudere gli spazi e sempre pronta a ripartire. Higuain inventa, Pjanic spreca: Handanovic nuovamente protagonista. Doppio cambio per Pioli: dentro Kondogbia ed Eder: fuori Brozovic e Candreva. Le occasioni in questo big match non mancano, Gagliardini riesce a staccare al centro dell’area ma non trova la porta. Medel, tatticamente, non si fa mai cogliere di sorpresa. La Vecchia Signora, cercando il raddoppio, concede molto agli ospiti e, dal canto suo, Icardi spara alto. Allegri comprende il momento, spazio per Marchisio al posto di Cuadrado. Obiettivo chiaro, ovvero più sostanza e fosforo. Handanovic respinge una sassata di Higuain. A regnare sovrane sono le sostituzioni, Inter tutta offensiva con Palacio per Joao Mario. Lichtsteiner, provato fisicamente, viene rimpiazzato da Dani Alves, al rientro dopo l’infortunio di Genova. Gli ospiti ci credono, tra cuore e idee, segnali ottimi per il futuro. La Juventus si chiude gettando nella mischia Rugani, out Dybala applauditissimo – come sempre – dal popolo zebrato. Rosso per Perisic. Triplice fischio e Madama a consolidare il primato.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter