Juventus espugna Verona: Chievo annientato

May 5, 2015 - Turin, United Kingdom - Juventus Alvaro Morata - Juventus vs. Real Madrid - UEFA Champion's League - Semi Final First Leg - Juventus Stadium - Turin - 05/05/2015 Pic Philip Oldham/Sportimage.(Credit Image: © Sport Image/Sportimage/Cal Sport Media/ZUMAPRESS.com)

Morata porta la Juventus a 12 vittorie consecutive

Alle 12,30 il Chievo affronta i campioni d’Italia in una Verona uggiosa e grigia. La Juventus cerca l’ennesima vittoria per mettere sotto pressione gli azzurri di Napoli, il Chievo vuole agguantare l’impresa tra le mura di casa.

FORMAZIONI:

CHIEVO (4-3-1-2) Bizzarri; Cacciatore, Dainelli, Sardo, Frey, Castro, Radovanovic, Rigoni; Birsa; Mpoku, Inglese. All. Maran

JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Caceres; Lichtsteiner, Khedira, Marchisio, Pogba, Alex Sandro; Dybala, Morata. All. Allegri

CRONACA:

In una Verona tinta di grigio la squadra di Allegri cerca di ottenere l’ennesima vittoria. Nell’attacco bianconero oggi però non c’è la solita coppia offensiva. Ad affiancare Dybala infatti c’è un ritrovato Morata. La Juventus parte a ritmi altissimi e la partita si sblocca già al 6′ proprio per merito dell’attaccante spagnolo. Cross rasoterra di Lichtsteiner per Morata che al limite del fuorigioco si fa trovare pronto e appoggia la palla oltre la linea. È 1-0 Juventus. L’attaccante classe 92′ risponde nel modo migliore alla chiamata di Allegri dimostrando di aver superato il blocco psicologico che durava da mesi. Dopo questo lampo iniziale la partita si stabilizza, con la Juventus che crea una rete fitta di passaggi e col Chievo che si difende. Il gioco bianconero è sviluppato soprattutto a centrocampo, con metodici lampi in avanti che mettono sempre in difficoltà la retroguardia di Maran. La squadra di Allegri ha il pieno controllo del match e la legge di Torino si fa sentire anche in trasferta. Al 20′ è sempre la Juventus a rendersi pericolosa: Morata in mezzo a tre difensori lancia con un passaggio filtrante Dybala che da fuori area cerca il tocco di fino, pallonetto e palla di poco fuori. Dopo 10 minuti Pogba fa nuovamente tremare la difesa del Chievo. Siluro di esterno da fuori area e Bizzarri che devia. La partita è sempre più a senso unico, le poche azioni create dal Chievo vengono sempre annullate dalla galattica difesa juventina. Al 39′ la Juventus allunga e il gol porta ancora la firma di Morata. Dybala apre per Khedira che sul lato sinistro mette in mezzo la palla, Morata sbuca alle spalle del difensore: tap in e 2-0. Fine primo tempo e partita che sembra già chiusa. A inizio della seconda frazione di gioco i giocatori in campo sono sempre gli stessi con la sola eccezione di Sturaro, entrato al posto di Khedira. Stesse squadre, stessa storia. È sempre la Juventus a dominare la partita, il Chievo sembra inerme davanti alla supremazia bianconera. Più passano i minuti più la vecchia signora aumenta il pressing e la velocità di gioco. La stanchezza sembra non essere di casa tra i bianconeri. Bianconeri che nel giro di sei minuti chiudono definitivamente la partita. Al 16′ Alex Sandro infila la porta di Bizzarri da sinistra con uno splendido tiro. Al 22′ è invece Pogba a mettere in modo definitivo il sigillo sulla partita: dribbling secco su Dainelli e destro piazzato. 4-0 Juve e Chievo ammutolito. Gli ultimi 20 minuti di partita vedono sempre la Juve protagonista, con continui capovolgimento di fronte e azioni velenose. La partita giunge al 45′ col Chievo in completa balia degli avversari. Triplice fischio, tredicesima vittoria consecutiva  (contando anche la Coppa Italia) e Juve che vola in vetta alla classifica in attesa della prestazione del Napoli.

 

 

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter