Juventus Corsara al Friuli, triplo Khedira è goleada 2-6

Partita scoppiettante alla Dacia arena, dove i padroni di casa prima vanno in vantaggio con Perica, ma la  Juventus ribalta  e poi si complica la vita da sola quando rimane in 10 per l’espulsione di Mandzukic e rischia di perdere il match, ma un grande Buffon e un grande khedira, Tripletta per lui trascinano la Vecchia Signora a meno tre dal Napoli capolista.

FORMAZIONI:

Udinese (4-3-3) Bizzarri; Adnan, Danilo, Nuytinck, Samir; De Paul, Halfreddson, Fofana; Jankto, Lopez, Perica. All. Del Neri.

Juventus (4-2-3-1) Buffon; Lichsteiner, Rugani, Chiellini, Alex Sandro; Pjanic, Khedira; Cuadrado, Dybala, Mandzukic; Higuain. All. Allegri.

CRONACA:

Il Dacia arena ospita lo scontro valido per la 9° Giornata di serie A, tra l’Udinese di Del Neri,reduce dalla sconfitta contro la Fiorentina, e la Juventus di Massimiliano Allegri, con alle spalle la sconfitta interna contro la Lazio, campo difficile per i campioni d’Italia che nelle ultime 6 gare al Friuli si sono fatti imporre il pareggio per ben tre volte.

Risultato obbligato per i bianconeri che devono ottenere i tre punti per diminuire lo svantaggio da Inter e Napoli che proprio ieri sera si sono affrontate pareggiando 0-0, solito 4-4-2 per L’allenatore ex Verona che schiera il tandem d’attacco Maxi Lopez-Perica, Il livornese risponde confermando per 9/11, la  formazione di mercoledì’ sera contro lo Sporting sostituendo Sturaro e Benatia con Lichsteiner e Rugani e con la buona notizia di avere a disposizione dopo due mesi Claudio Marchisio che partirà dalla panchina.

Udinese che parte molto aggressiva e prende alla sprovvista i bianconeri di Torino oggi con la casacca giallo-blu, che all’ottavo minuto di gioco subiscono il gol, Rugani sbaglia clamorosamente l’appoggio nel cerchio di centrocampo, che lancia Perica e con una splendida azione in solitaria, entra in  area, fa fuori Chiellini con grande freddezza col mancino conclude in rete, ma la reazione della Juventus non si fa attendere, Cuadrado dalla destra con una bellissima apertura per Mandzukic che a pochi metri dalla porta viene murato da Danilo.

Juventus che sembra aver attutito bene il colpo, attaccando con ordine ed efficacia, e al 13° sugli sviluppi di un calcio d’angolo trova il pari con un clamoroso autogol di Samir che goffamente di testa batte l’incolpevole Bizzarri.

Quattro minuti dopo la Vecchia Signora vicina al raddoppio sempre da azione d’angolo, Chiellini stacca su tutti, ma il pallone esce fuori di un soffio, ma è solo il preludio al gol, 20° minuto, Dybala splendida apertura che lancia Cuadrado sulla fascia cross perfetto del colombiano in area dove trova l’inserimento di Sami Khedira che di testa segna il 2-1,  Udinese alle corde non passa neanche un minuto che Higuain rifinito a dovere da Pjanic, si gira e calcia scheggiando il palo, non è un periodo fortunato per il Pipita.

Venticinquesimo ancora Higuain è bravissimo a passare il pallone in mezzo per Mandzukic che viene anticipato da Adnan, forse in modo falloso, da qui scaturisce una mini rissa che coinvolge i due giocatori prima citati redarguiti dal direttore di gara, Doveri che li ammonisce entrambi scatenando l’ira del croato che viene espulso, ingenuo il gesto dell’ex Atletico Madrid che lascia i suoi in inferiorità numerica, Allegri corre subito ai ripari passando al 4-3-1-1 arretrando Cuadrado sulla linea dei centrocampisti.

Friulani che provano ad ad approfittare della situzione favorevole e vanno vivinissimi al pareggio, bellissimo pallone di De Paul per Jankto che stoppa e tira ma prima trova un eccezionale Buffon e sulla respinta per fortuna della Juventus calcia altissimo.

Quarantaquattresimo Udinese ancora vicino al gol ed è sempre Jankto pericolosissimo che a rimorchio batte a colpo sicuro su un bel cross di Adnan ma Buffon e monumentale e respinge di piede, è assefio dei friulani che sfiorano ancora il pareggio, cross di Halfreddson deviato, il pallone va sui piedi di Maxi Lopez ma c’è sempre lui a mettere una pezza Gigi Buffon che devia il pallone ed evita il pareggio.

Ripresa che inizia sulla falsa riga del primo tempo, passano solamente due minuti e i friulani passano, sugli sviluppi di un calcio di punizione dalla destra è Danilo a staccare meglio di tutti e ribadisce in rere, pareggio più che meritato.

E’ solo un illusione perchè dopo solo un minuto, dalla stessa zona a parti invertite, calcio piazzato battuto da Pjanic, parabola velenosa che trova Rugani che da attaccante vero anticipa tutti  e si fa perdonare  l’errore del primo tempo e riporta in vantaggio i campioni d’Italia, ribaltando l’inerzia della partita, gli uomini di Allegri, attaccano a spron battuto e al 13° trovano il 4-2 con Sami Khedira lestissimo in mischia a calciare in rete.

Juventus da la sensazione di non essere per niente in inferiorità numerica capaci dopo il quarto gol di congelare la partita e in modo ordinato non hanno subito veri rischi e in conclusione dilagano trovando il 5° e il 6° gol prima con Sami Khedira che in diagonale firma la sua prima tripletta in carriera e poi con Pjanic con una botta da fuori area.

Nonostante non sia entrato nel tabellino dei marcatori da sottolineare la prova di Gonzalo Higuain, che sembra molto vicino alla forma migliore, mentre da rivedere ancora una volta la difesa salvata dall’immortale Gigi Nazionale.

Campioni D’italia che con questo risultato vanno a meno uno dall’ Inter e meno tre dal Napoli e diventano l’attacco più prolifico del campionato


 

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter