Josef Cerny vince ad Asti

Doveva essere l’ultima volata di questo Giro d’Italia, ma Sagan non ha voluto riprendere la fuga e Démare era già sazio delle 4 vittorie precedenti, con relativa maglia ciclamino. È stata la tappa delle polemiche in tutto e per tutto: dalla riduzione del chilometraggio a chi doveva prendersi la responsabilità in gruppo. Alla fine la spunta Cerny, Mosca è 3°

Tappa molto travagliata che vede la sua partenza da Abbiategrasso per un totale di 124,5 km fino alla volata di Asti. Al km 0 parte la solita fuga con l’azione di Pellaud, seguito da Campenaerts e Cerny. Si aggiungono poi altri 11 corridori: all’attacco vanno anche Clarke e Morton, Haas e Mathis, Keisse, van Empel, Carboni, Mosca, Armée, Albert Torres e Dowsett, già vincitore della tappa di Vieste. Pellaud fa suo il traguardo volante e quindi niente punti per Sagan e Démare.

È la Bora Hansgrohe a fare l’andatura per tenere controllata la fuga, che ha poco più di un minuto di vantaggio. Ma, dal nulla, Sagan chiede ai suoi di rialzarsi ai -57 km dal traguardo. Il perché? Sagan non voleva regalare un’altra vittoria a Démare come già capitato in questo Giro d’Italia. Nessuno si prende la responsabilità di fare l’andatura e dopo qualche km la fuga vola a 5 minuti di vantaggio. Davanti, invece, cominciano gli scatti con Pellaud che fa in tempo a prendersi il secondo traguardo volante. Ai -21,5 dal traguardo, però, parte da solo Cerny che in pratica fa una cronometro individuale fino all’arrivo di Asti.

Cerny va su deciso e guadagna in pochi km 20”. Dietro perde le ruote Pellaud, ma rientra Keisse ma non ci sono cambi regolari per andare a riprendere il ceco. Cerny si attesta su un vantaggio di 30” e arriva in solitaria sul traguardo di Asti. Campenaerts si piazza 2° dopo essere partito all’altezza dell’ultimo km, mentre Jacopo Mosca vince la volata per il 3° posto. Il gruppo arriva con un ritardo di 11’43”. L’unico che festeggia è Arnaud Démare che ha chiuso matematicamente il discorso maglia ciclamino.

ORDINE D’ARRIVO:
1. Josef Cerny CCC Team 2:30.40
2. Victor Campenaerts NTT Pro Cycling +0.18
3. Jacopo Mosca Trek-Segafredo +0.26
4. Simon Clarke EF Pro Cycling +0.26
5. Iljo Keisse Deceuninck-Quick Step +0.26
6. Sander Armée Lotto-Soudal +0.26
7. Albert Torres Movistar Team +1.10
8. Simon Pellaud Androni Giocattoli-Sidermec +1.10
9. Giovanni Carboni Bardiani-CSF Pro Team +1.10
10. Alex Dowsett Israel Start-Up Nation +1.10

CLASSIFICA PRINCIPALE:
1. Wilco Kelderman Team Sunweb 80:29.19
2. Jai Hindley Team Sunweb +0.12
3. Tao Geoghegan Team Ineos +0.15
4. Pello Bilbao Bahrain-McLaren +1.19
5. Joao Almeida Deceuninck-Quick Step +2.16
6. Jakob Fuglsang Astana Pro Team +3.59
7. Patrick Konrad Bora-Hansgrohe +5.40
8. Vincenzo Nibali Trek-Segafredo +5.47
9. Fausto Masnada Deceuninck-Quick Step +6.46
10. Rafal Majka Bora-Hansgrohe +7.28

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter