Italia U21-Albania U21 0-0

Amichevole senza goal per l’Italia U21, che contro i pari età dell’Albania non ha entusiasmato, con troppi big, come Domenico Berardi e Danilo Cataldi, apparsi sottotono.

ITALIA-ALBANIA 0-0
ITALIA (4-4-2) Donnarumma (dal 1’ s.t. Cragno); Conti, Biraschi (dal 16’ s.t. Calabresi), Caldara, Murru; Berardi (dal 16’ s.t. Ricci), Verre (dal 1’ s.t. Grassi), Cataldi (dal 44’ s.t. Capezzi), Garritano (dal 30’ s.t. Gagliaridini); Rosseti (dal 30’ s.t. Parigini), Cerri (dal 1’ s.t. Monachello). (Meret, Somma, Romagna, Morosini). All. Di Biagio.
ALBANIA (4-2-3-1) Strakosha; Gurishta, Lulaj, Shkalla (dal 25’ s.t. Karriqi), Hoxhallari; Laci, Gjini; Fili (dal 10’ s.t. Uzuni), Bare, Latifi; Manaj. (Teqja, Domgjoni, Toli, Durmishaj, Qerfozi, Zenuni). All. Jupi.
ARBITRO Casanova di San Marino.

Finisce 0-0 l’amichevole di San Benedetto del Tronto contro un’Albania le cui stelline – a parte il numero 10 Bare, che gioca nell’Atletico  Madrid – sono volti molto conosciuti dei campionati giovanili italiani.

Rej Manaj, che quest’anno giochera’ nel Pescara, davanti era troppo solo e l’unica vera palla gol l’ha vista sfilare senza riuscire a deviarla al 17′ della ripresa.

Tra i pali dell’Albania c’è Strakosha, che ha fatto tutte le giovanili nella Lazio e portiere molto interessante, ieri sera ha avuto il suo bel da fare, e si è fatto onore, sin da quando (12′)  Cataldi ha mandato in porta Rosseti e lui gli ha chiuso lo specchio della porta, Garritano prova a infilarlo da fuori, palla alta ma non di poco, è l’Italia a fare la partita, ma la manovra non è sempre velocissima: alla mezz’ora accelera di colpo con un lancio da centrocampo per la testa di Cerri, Rosseti riceve la sponda e rende subito il favore all’attaccante appena prestato dalla Juve alla Spal, che d’esterno manca di poco il secondo palo.

Dopo l’intervallo ci sono Cragno, Grassi e Monachello al posto di Donnarumma, Verre e Cerri, un paio di mischie in area albanese mandano al tiro Berardi, dopo un’ottimo spunto di Murru, Strakosha respinge.

Berardi lascia la fascia d’attacco a Federico Ricci e quella di capitano a Cataldi, Strakosha salva due volte su Monachello, poi la grande occasione sfiorata da Manaj, sugli sviluppi di un angolo nato da una punizione di Lafiti, smanacciata da Cragno. Monachello manca la porta da ottima posizione, Ricci trova giusto un corner, l’Italia che sta comandando il girone di qualificazione all’Europeo resta a secco in amichevole, ma desta una buona impressione contro un’Albania sempre ostica da affrontare.

Ottimo test in vista della decisiva partita di settembre contro la fortissima Serbia, campione del mondo under 20, dove in caso di risultato positivo potremo festeggiare in anticipo la vittoria del girone.

About the Author

Andrea Schiavina
Nato a Bologna il 19/06/1965 titolo di studio Geometra, sport praticati a livello agonistico Nuoto, Pallanuoto, Football americano e Tennis. Appassionato di sport in genere, sono osservatore di calcio professionista, collaboro con Radio Nettuno, Abito a grizzana Morandi in provincia di Bologna sposato

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter