Italia in semifinale: 2-1 al Belgio

Una bellissima Italia batte 2-1 il Belgio grazie ai gol nel primo tempo di Barella e Insigne e vola in semifinale dove martedì sera sfiderà la Spagna. Inutile il rigore, generoso, trasformato da Lukaku sul finale del primo tempo. Vittoria meritata per la squadra di Mancini, a tratti inarrestabile. Nota dolente il ko di Spinazzola

FORMAZIONI:

Belgio (3-4-2-1): Courtois; Alderweireld, Vermaelen, Vertonghen; Meunier, Witsel, Tielemans, Hazard; De Bruyne, Doku; Lukaku. All. Martinez.

Italia (4-3-3): Donnarumma; Di Lorenzo, Bonucci, Chiellini, Spinazzola; Barella, Jorginho, Verratti; Chiesa, Immobile, Insigne. All. Mancini.

CRONACA:

Alla prima occasione è l’Italia a sbloccare – apparentemente – l’incontro con Bonucci. Un’illusione, con il VAR a emanare il verdetto sovrano per posizione di fuorigioco di Chiellini e Di Lorenzo sulla punizione calciata da Insigne. Azzurri a fare la partita, Belgio pericoloso nelle ripartenze. Giustappunto, Donnarumma è chiamato a superarsi su De Bruyne, che carica il sinistro da fuori e costringe il portiere azzurro ad un super intervento con la mano in allungo. Allora ci prova Lukaku, puntando Chiellini nell’uno contro uno, trovando tuttavia – tanto per cambiare – l’ottima risposta di Donnarumma. Ed ecco, quindi, il lampo azzurro: Barella riceve palla da Verratti, ne dribbla due nell’area piccola belga e trova l’angolino vincente con una grande giocata. E’ una Italia di carattere e qualità, che sfocia nel raddoppio con un poetico tiro a giro di Insigne. Finita qua? No. Spinta energica di Di Lorenzo su Doku nei minuti di recupero. Morale della favola? Rigore trasformato da Lukaku.

Nella ripresa, di pura personalità, è sempre l’Italia a governare il gioco. Ma il Belgio, costantemente sfruttando la buona luna di Doku, sfiora il 2-2: salvataggio miracoloso di Spinazzola su Lukaku. Subentra la stanchezza, per entrambe le squadre. Con gli azzurri di compattezza e con, purtroppo, un ko fisico per il calciatore della Roma che sa tanto di Euro 2020 finito. Sofferenza finale, triplice fischio, è paradiso azzurro.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter

Maglie Juve Home e Away Image Banner 300 x 250