Italia fermata anche dall’Olanda: finisce 1-1

Secondo pareggio consecutivo per gli uomini di Mancini, che passano in vantaggio nel primo tempo con Pellegrini venendo rapidamente raggiunti da Van de Beek. In testa al gruppo 1 balza la Polonia, vincente contro la Bosnia

FORMAZIONI:

Italia (4-3-3): Donnarumma; D’Ambrosio, Bonucci, Chiellini, Spinazzola; Verratti, Jorginho, Barella; Chiesa, Immobile, Pellegrini. All. Mancini.

Olanda (4-3-3): Cillessen; Hateboer, De Vrij, Van Dijk, Ake; Van De Beek, F. De Jong, Blind; Wijnaldum, L. De Jong, Depay. All. De Boer.

CRONACA:

In avvio di partita la squadra di Mancini dimostra personalità, tiene il possesso palla e cerca di far scoprire l’Olanda, riuscendoci al 16′: assist illuminante di Barella per Lorenzo Pellegrini, la difesa arancione è tagliata in due e il giocatore della Roma castiga Cillessen nell’uno contro uno. Al 23′ Immobile chiama Cillessen alla respinta con un tiro a giro dalla sinistra. Poi gli ospiti hanno una reazione importante, e trascinati soprattutto da Frenkie De Jong, avanzano il proprio baricentro. Crea problemi soprattutto la posizione di Blind sulla sinistra. Da un suo passaggio, al 25′ Depay fa filtrare il pallone al limite dell’area piccola, dove Van de Beek sfrutta un rimpallo favorevole e insacca sotto la traversa, regalando l’1-1 ai suoi. Chiesa ha dei problemi fisici, ma decide di stringere i denti e restare in campo. Dopo alcuni minuti di sofferenza, nel finale di frazione gli Azzurri rispondono riprendendo vigore, con una bella azione sulla sinistra di Spinazzola al 39′: sul suo tiro indirizzato verso il primo palo, Cillessen è attento e respinge.

La situazione si ribalta nuovamente in avvio di secondo tempo, con l’Olanda che prende il sopravvento. Prima Wijnaldum e Luuk De Jong mettono i brividi a Donnarumma, poi il portiere azzurro si supera al 55′ deviando un bel tiro a giro di Depay dopo una giocata personale sulla sinistra. Gli ingressi in campo di Kean e Locatelli ridanno vivacità all’Italia, mentre è ancora Frenkie De Jong il migliore dei suoi. L’1-1 non basta agli Azzurri, così Mancini si gioca anche la carta Florenzi. Immobile non è in serata, e i tanti palloni messi in mezzo dalle fasce sono preda dei due giganti De Vrij e Van Dijk. Così è l’Olanda a creare i maggiori pericoli in contropiede, con Depay e Wijnaldum sempre pericolosi quando hanno campo davanti a loro. Chiellini, fra i migliori, limita i danni, e dopo 3′ di recupero le due squadre chiudono sull’1-1.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter