Italia, altra notte magica: 3-0 alla Svizzera ed ottavi di finale

L’Italia concede il bis: dopo il 3-0 alla Turchia, identico successo anche contro la Svizzera: le firme sono quella di uno scatenato Manuel Locatelli e di Ciro Immobile. Grande festa all’Olimpico: ottavi di finale conquistati aritmicamente. Unica nota stonata, l’infortunio di Chiellini, che al 24′ esce per un risentimento muscolare dopo un goal annullato al 19′

FORMAZIONI:

Italia (4-3-3): Donnarumma; Di Lorenzo, Bonucci, Chiellini, Spinazzola; Barella, Jorginho, Locatelli; Berardi, Immobile, Insigne. All. Mancini.

Svizzera (3-4-1-2): Sommer; Elvedi, Schar, Akanji; Mbabu, Freuler, Xhaka, Rodriguez; Shaqiri; Seferovic, Embolo. All. Petkovic.

CRONACA:

La prima grande occasione del match capita sulla testa di Immobile che, ben posizionato, non colpisce sapientemente. Ma è solo l’antipasto. Perché, successivamente, gli azzurri alzano i giri e sbloccano le marcature con Chiellini che, tuttavia, deve fare i conti con un fallo di mano punito dal VAR. Ed è sempre il capitano dell’Italia a rendersi protagonista, questa volta non in chiave rosea, chiedendo la sostituzione per un problema muscolare: al suo posto Acerbi. Dopodiché a salire in cattedra è Locatelli che, di mancino, sostanzialmente si auto-lancia, supportato da Berardi, nel goal che porta gli azzurri a chiudere il lato A del match in vantaggio.

Nella ripresa, per non perdere le buone abitudini, è ancora Locatelli ad andare in rete. Questa volta di sinistro, imparabile, una conclusione che testimonia candidamente come il mediano del Sassuolo sia destinato a diventare uomo mercato a tutti gli effetti. Per il resto, per gli azzurri, purissima ordinaria amministrazione. Bel palleggio, intensità, squadra. Morale della favola? Nel finale c’è gloria, nuovamente, anche per Immobile. La Svizzera si fa vedere raramente nelle zone calde. E, quando lo fa, viene disinnescata sapientemente da Donnarumma, prossimo a firmare nelle prossime ore per il Paris Saint-Germain. Insomma, l’Italia vince e convince. E il meglio, probabilmente, deve ancora venire.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter