Inter: 2-0 all’Empoli

Al termine di una settimana tesa, l’Inter torna a vincere: Eder ed Antonio Candreva vincono la resistenza dell’Empoli e danno una bella risposta.

FORMAZIONI:

Inter (3-4-1-2): Handanovic; Murillo, Medel, Miranda; Candreva, Gagliardini, Kondogbia, D’Ambrosio; Joao Mario; Eder, Palacio. All. Pioli.

Empoli (4-3-1-2): Skorupski; Veseli, Laurini, Cosic, Dimarco; Croce, Diousse, Krunic; El Kaddouri; Maccarone, Pucciarelli. All. Martusciello.

CRONACA:

Proprio in concomitanza con l’inizio della gara, i tifosi dell’Inter si scatenano in una panolada, per contestare l’arbitraggio di Rizzoli in Juventus-Inter, dopo di che l’Empoli prova a prendere le misure dei padroni di casa ma già al 10’ ci vuole un super Skorupski per negare il goal a Palacio: spettacolare l’intervento del portiere polacco sul colpo di testa del ‘Trenza’. L’appuntamento col goal però è soltanto rimandato: al termine di una mischia in area toscana, è Eder a spingere il pallone in rete col petto e a siglare l’1-0. Ottenuto il vantaggio, l’Inter sembra voler rallentare i ritmi della gara e al 25’ El Kaddouri prova ad approfittarne con un destro a giro sul quale Handanovic interviene con sicurezza. A cavallo della mezzora l’Inter prima chiede un rigore per un atterramento ai danni di Eder, poco dopo si mangia le mani per l’occasione sprecata da Gagliardini, che da ottima posizione, sfrutta un velo di Palacio ma trova sulla sua strada Skorupski. L’Empoli prova a reagire, ma la difesa dell’Inter è attenta e prima dell’intervallo c’è tempo solo per una debole conclusione di Kondogbia neutralizzata da Skorupski.

La ripresa si apre con l’ingresso in campo di Ansaldi al posto di D’Ambrosio, ma è ancora Eder a rendersi protagonista con una splendida iniziativa personale sugellata da un assist al bacio per Gagliardini che però non inquadra la porta. Ancor più pericoloso, dall’altra parte, è però Krunic che si presenta a tu per tu con Handanovic ma deve arrendersi di fronte al miracolo del portiere sloveno. E sul capovolgimento di fronte arriva il raddoppio nerazzurro: è Antonio Candreva a fulminare Skorupski da distanza ravvicinata per il 2-0. L’Empoli accusa il colpo ma ha l’occasione per rientrare in partita quando Maccarone, tutto solo, prova un sombrero ai danni di Handanovic che lo ferma. È ancora Handanovic a negare all’Empoli il goal per riaprire la partita: il portiere nerazzurro è bravo a volare sulla sua sinistra per disinnescare una conclusione a giro di Croce. Pioli manda in campo anche i giovani Gabigol e Pinamonti ed è proprio il brasiliano ad avere una chance per il 3-0, ma il suo sinistro termina sul fondo. Anche Gagliardini prova ad apporre la propria firma sul tabellino, ma sulla sua strada trova ancora Skorupski.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter