Il Torino liquida 3-0 il Debrecen

Ottimo esordio del Torino di Mazzarri, che liquida 3-0 il Debrecen nell’andata del secondo turno preliminare di Europa League. Successo firmato dal rigore di Andrea Belotti, Cristian Ansaldi e Simone Zaza nel recupero. Tra una settimana, il ritorno in Ungheria

FORMAZIONI:

Torino (3-4-3): Sirigu; Izzo, N’Koulou, Bremer; De Silvestri, Baselli, Meité, Ansaldi; Falqué, Belotti, Berenguer. All. Mazzarri.

Debrecen (4-4-2): Nagy; Kinyik, Szatmari, Pavkovics, Ferenczi; Szecsi, Tozser, Haris, Varga; Trujic, Zsori. All. Herczeg.

CRONACA:

Avvio positivo dei granata, che al 5′ vanno vicini al vantaggio: punizione di Basell, Belotti la gira al centro area, il pallone danza nei pressi della riga di porta ma nessun compagno arriva alla deviazione vincente. La squadra di Mazzarri insiste e al 19′ c’é l’episodio che cambia l’inerzia della gara: Falque lancia in verticale Belotti, che aggira Nagy ma viene messo giù da quest’ultimo. L’arbitro assegna il rigore e “Il Gallo” trasforma con potenza e freddezza, insaccando sulla sinistra. Sul finire della prima frazione arriva anche il raddoppio ad opera di Cristian Ansaldi: cross ciccato da posizione defilata sulla sinistra, ma la traiettoria del pallone inganna Nagy e si infila alle sue spalle. la risposta ungherese é affidata a Kinyik, che riceve palla in area di rigore e spara di poco alto sopra la traversa di Sirigu. Il portiere sardo ha qualche problema alla caviglia, ma stringe i denti e resta in campo nella ripresa.

Nel secondo tempo i granata gestiscono con sapienza il doppio vantaggio e correndo pochi rischi sfiorano più volte il tris. Berenguer sale in cattedra e al 66′ sfiora la gioia personale con un tiro a giro di poco alto. Due minuti dopo sempre lo spagnolo colpisce clamorosamente il palo con un tocco di precisione sull’uscita di Nagy. Nel finale l’ingresso di campo di Zaza dà vivacità all’attacco granata, e proprio l’ex Valencia si fa apprezzare con un colpo di testa che non inquadra di poco lo specchio della porta. Poco male perché in pieno recupero lo stesso Zaza risolve una mischia nell’area ungherese, fissando il risultato sul 3-0 finale.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo