Il Napoli si porta al terzo posto: 0-2 al Torino

Vince la squadra di Gattuso all’Olimpico Grande Torino: decidono i goal nel primo tempo di Bakayoko e Osimhen. Pali per Zielinski ed Insigne, gara dominata dagli azzurri, che agganciano la Juventus a quota 66 punti. Brutto ko per i granata, che ora sono alla pari di Cagliari e Benevento

FORMAZIONI:

Torino (3-5-2): Sirigu; Izzo, N’Koulou, Bremer; Singo, Rincon, Mandragora, Verdi, Ansaldi; Sanabria, Belotti. All. Nicola.

Napoli (4-2-3-1): Meret; Di Lorenzo, Rrahmani, Koulibaly, Hysaj; Demme, Bakayoko; Politano, Zielinski, Insigne; Osimhen. All. Gattuso.

CRONACA:

Lo stato di grazia degli azzurri è la costante della prima frazione di gioco: granata imbambolati, quasi rassegnati al triste destino che si profila dopo aver subìto un uno-due micidiale in grado di abbattere chiunque. E’ questo il clima che consente agli ospiti di avere vita facile lì davanti: o meglio, da fuori area, con il bolide di Bakayoko a rompere l’equilibrio e a migliorare l’incredibile dato di reti segnate dalla distanza. Tempo due minuti e il risultato cambia nuovamente: follia di Nkoulou che perde un pallone sanguinoso, Osimhen si invola verso la porta e infila Sirigu con un po’ di fortuna, grazie ad una carambola con Bremer. Il doppio svantaggio obbliga i ragazzi di Nicola ad osare di più e ciò si tramuta in spazi apertissimi per il Napoli: Politano prova ad approfittarne con il suo proverbiale accentramento dalla destra, ma il mancino termina sul fondo complice una decisiva deviazione. Il Torino è un pugile incapace di reagire ai colpi incassati e, quello del ko, rischia di assestarglielo Zielinski: destro – guarda un po’ – da lontano e palo pieno a salvare il povero Sirigu.

Il Torino che torna in campo dopo l’intervallo è una squadra diversa, non negli uomini ma nello spirito, più propositivo e ficcante: è così che Meret, fino a quel momento praticamente inoperoso, si prende la scena con due ottimi interventi su Ansaldi e Mandragora. La risposta ospite è affidata al solito Osimhen, devastante negli spazi aperti: Sirigu stavolta si oppone. Il portiere sardo può poi solo soffiare sul destro a giro di Insigne che si stampa sul montante, il secondo di giornata. Le occasioni più significative capitano sui piedi del nuovo entrato Mertens, stranamente impreciso allo scoccare del tiro. La serata ‘horribilis’ del Torino si conclude con il doppio giallo mostrato a Mandragora, espulso e quindi squalificato per l’importante scontro salvezza col Parma.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter