Il Napoli non sfonda al Marakana: solo 0-0 con la Stella Rossa

Non parte col piede giusto il Napoli che, inserito nel girone di Liverpool e PSG, comincia con uno 0-0 a Belgrado. La squadra di Ancelotti non gioca male, anzi, ma sbaglia troppo davanti a Borjan, lasciando punti per strada che sarebbero stati importantissimi per provare la rincorsa agli ottavi di finale.

FORMAZIONI:

Stella Rossa (4-2-3-1): Borjan; Stojkovic, Degenek, Savic, Rodic; Jovicic, Krsticic; El Fardou, Causic, Marin; Boakye. All. Milojevic.

Napoli (4-3-3): Ospina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Rui; Allan, Ruiz, Zielinski; Callejon, Milik, Insigne. All. Ancelotti.

CRONACA:

L’andamento tattico della partita è chiaro fin dalle primissime battute: i serbi lasciano al Napoli, ancora disegnato da Ancelotti con un 4-4-2, il compito di comandare il gioco per poi provare a colpire in contropiede. La compagine partenopea accetta la sfida e si proietta in avanti costringendo i padroni di casa a chiudersi nella propria metà campo, riuscire a trovare spiragli tra le maglie della difesa di casa è però un’impresa tutt’altro che facile. Non è quindi un caso che l’azione più pericolosa sia figlia di una prodezza balistica di Insigne dalla lunga distanza, il pallone calciato dal capitano azzurro va però ad infrangersi contro la traversa a portiere praticamente battuto. La Stella Rossa gioca soprattutto sugli errori degli avversari e in alcune occasioni prova a pressare alto un Allan stranamente meno preciso del solito in fase di possesso.

Nel secondo tempo la musica non cambia, è il Napoli a far girare il pallone, mentre la Stella Rossa si arrocca nella propria trequarti difensiva. La compagine serba, dopo qualche sortita iniziale, comunque mai veramente pericolosa, con il passare dei minuti va sempre più in difficoltà perdendo metri su metri in campo, cosa questa che spinge Ancelotti a ridisegnare un Napoli super offensivo inserendo Mertens per Allan. Il cambio sortisce gli affetti sperati, visto che i partenopei cambiano ulteriormente marcia e si creano pericolosi in varie occasioni, nonostante le tante azioni create però il goal che vale i tre punti non arriva.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter