Il Milan torna in Champions: 0-2 all’Atalanta

I rossoneri s’impongono al Gewiss Stadium grazie ad una doppietta di Kessié su calcio di rigore, chiudono al secondo posto e tornano in Champions League dopo 7 anni. Espulso De Roon nel recupero

FORMAZIONI:

Atalanta (3-4-1-2): Gollini; Toloi, Romero, Djimsiti; Mehle, De Roon, Freuler, Gosens; Pessina; Malinovsky, Zapata. All. Gasperini.

Milan (4-2-3-1): Donnarumma; Calabria, Kjaer, Tomori, Hernandez; Bennacer, Kessié; Saelemaekers, Diaz, Calhanoglu; Leao. All. Pioli.

CRONACA:

Senza Ibrahimovic e Rebic il peso dell’attacco rossonero è tutto sulle spalle di Rafa Leao, cercato insistentemente con palloni in profondità dai suoi compagni, sia per sfruttare la velocità del portoghese che per bypassare la pressione selvaggia degli uomini di Gasperini, che lasciano intendere sin dai primi minuti di tenere ad un secondo posto che sarebbe storico. La Dea è corta e aggressiva, il Milan si difende basso e fa fatica a uscire. Ma sulla prima, vera azione corale dei rossoneri arriva il primo snodo della serata: Hernandez chiude il triangolo con Saelemaekers entrando in area di rigore ma viene steso da Maehle. Intervento che Mariani punisce, senza esitazioni, con il calcio di rigore, trasformato al 43′ dallo specialista Franck Kessié, tra i migliori in campo nel primo tempo.

Anche nella ripresa è l’Atalanta a far la partita: Gasperini vuole fare risultato e si gioca subito la carta Muriel per aumentare il potenziale offensivo della Dea. La squadra di Pioli soffre e non riesce a ripartire, i risultati di Juventus e Napoli non permettono al Milan di fare calcoli. Ma sul break di Meité nasce al 68′ una ghiotta palla-goal per il 2-0 rossonero: l’ex Torino innesca Leao che con uno scavetto supera Gollini ma il pallone si infrange sul palo. Il finale è incandescente: in pieno recupero braccio di Gosens sul tiro di Calhanoglu, per Mariani è di nuovo calcio di rigore. De Roon, nervosissimo, colpisce in faccia Krunic e viene espulso. Nulla che possa però distrarre Kessié, che dal dischetto si conferma glaciale mandando il Milan in Champions League.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter