Il Milan batte il Torino 4-2 nei supplementari e vola in semifinale

I rossoneri faticano, vanno sotto per la doppietta di Bremer, ma al 91′ riacciuffano il match con il turco, che poi fa doppietta nei supplementari. Segna anche Ibrahimovic. Granata eliminati ai quarti, la squadra di Pioli se la vedrà con la Juventus. Bellissimo ed emozionante il ricordo di Kobe Bryant a San Siro

FORMAZIONI:

Milan (4-4-2): Donnarumma; Conti, Kjaer, Romagnoli, Hernandez; Castillejo, Krunic, Bennacer, Bonaventura; Piatek, Rebic. All. Pioli.

Torino (3-4-2-1): Sirigu; Izzo, N’Koulou, Bremer; De Silvestri, Rincon, Lukic, Aina; Verdi, Berenguer; Belotti. All. Mazzarri.

CRONACA:

L’inizio è tutto in favore dei rossoneri, che dopo appena dodici minuti sbloccano la partita. Protagonista il solito Rebic, stavolta in versione assistman con un cross basso che Bonaventura infila in rete a porta sguarnita. Al minuto 24 un altro omaggio per il grande Kobe. Tutto San Siro si lascia andare ad un lungo applauso: il 24 è stato il suo numero simbolo ai Lakers. La partita nel frattempo prosegue e dieci minuti dopo il Torino trova il pari con una fiammata. Il protagonista inaspettato è Bremer, che si lancia in avanti in contropiede e non sbaglia a tu per tu con Donnarumma sfruttando l’assist dell’ex Verdi. Nel finale di primo tempo il Milan riesce a riportarsi di nuovo in vantaggio con Rebic, ma il goal in mischia del croato viene annullato per un fallo di mano di Piatek.

Nel secondo tempo i ritmi si abbassano un po’, soprattutto quelli del Milan. Così Pioli decide di mandare dentro Ibrahimovic al posto del fischiatissimo Piatek, che questa sera è stato uno dei peggiori in campo. Ma la scena, invece di Ibrahimovic, se la prende ancora una volta Bremer, l’eroe a sopresa della serata. Il difensore brasiliano scappa ai marcatori e infila di testa per la seconda volta Donnarumma su cross di Aina. E’ addirittura doppietta per lui. Il Milan spinge forte nel finale, ma non sembra riuscire a sfondare il muro granata. Ci vuole un episodio, un tiro da fuori come quello di Calhanoglu che al 91′ trova il 2-2 facendo esplodere San Siro. Nei cinque minuti di recupero il Milan potrebbe addirittura ribaltarla con Ibrahimovic, che ha tre grandissime occasioni, ma prima la mira e poi Sirigu lo impediscono.

Il portiere del Torino è protagonista anche nei supplementari con due interventi decisivi su Calhanoglu e Rebic, ma anche Donnarumma non è da meno soprattutto sul tiro a botta sicura di De Silvestri da pochi passi. Ma dopo la doppietta di Bremer non poteva che essere un’altra doppietta a decidere la partita, quella di Calhanoglu. Il turco, entrato a dieci minuti dalla fine, è il vero uomo partita con la doppietta che vale pareggio e sorpasso. Il Torino a quel punto molla la presa e la ciliegina sulla torta e il goal di Ibrahimovic, il primo a San Siro dopo il ritorno. Il goal che chiude la partita.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter