Il Genoa rompe il digiuno di vittorie: 3-1 all’Atalanta

Il Genoa torna al successo dopo 10 partite consecutive senza i 3 punti. Ilicic sbaglia un rigore sullo 0-0, poi Toloi con un autogol manda avanti il Genoa. Nella ripresa un rigore di Duvan Zapata rimette la partita sull’1-1, ma Darko Lazovic e Krzysztof Piatek nel finale fissano il 3-1. Atalanta che finisce in 9 per le espulsioni di Palomino e Toloi

FORMAZIONI:

Genoa (3-1-4-2): Radu; Biraschi, Romero, Criscito; Veloso; Romulo, Hiljemark, Bessa, Lazovic; Piatek, Kouamé. All. Prandelli.

Atalanta (3-4-1-2): Berisha; Toloi, Palomino, Mancini; Hateboer, De Roon, Freuler, Gosens; Gomez; Ilicic, Zapata. All. Gasperini.

CRONACA:

A Marassi succede di tutto già dai primi minuti, la partita è tesa e particolarmente fisica. Ne fa le spese De Roon, costretto alla sostituzione forzata dopo un brutto contrasto con il difensore Romero. L’Atalanta non si tira indietro e risponde all’intensità, costruendo buone occasioni dalle parti di Radu. La più clamorosa è di Ilicic dal dischetto, Radu però ipnotizza lo sloveno e para allungandosi sulla destra. A goal mancato corrisponde l’immediato goal subito: in pieno recupero nel primo tempo l’autogoal di Toloi, su colpo di testa di Piatek, permette alla squadra di Prandelli di trovare il vantaggio.

Il pareggio arriva nella ripresa con un altro rigore, stavolta però calciato da Duvan Zapata dopo un fallo di Criscito. Il capitano già in precedenza aveva rischiato di regalare un altro penalty per un fallo di mano, non ravvisato da Doveri dopo il consulto VAR. L’Atalanta spreca e il Genoa non molla: dopo un palo di Gomez sono decisivi un paio di interventi di Berisha per tenere viva la Dea. A metà ripresa però il portiere albanese alza bandiera bianca: destro di Lazovic che si insacca sul secondo palo senza lasciargli scampo. Gasperini si gioca la carta della disperazione con Musa Barrow, mentre il Genoa si copre, ma trova anche il tempo per chiuderla con il solito Piatek, che fa 19 goal stagionali in 19 presenze. Nel finale espulsi anche Palomino e Toloi, a completare il pomeriggio nero della squadra di Gasperini: salteranno la Juve.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter