Il Genoa ribalta la Lazio: all’ultimo respiro 2-1

Lazio in vantaggio a fine primo tempo da Milan Badelj. La formazione di Simone Inzaghi, tormentata dagli infortuni, cala alla distanza e cede il passo sotto i colpi di Antonio Sanabria e di Domenico Criscito. Pesante stop nella corsa alla Champions per Immobile e compagni. Il Genoa sale invece a 28 punti

FORMAZIONI:

Genoa (4-5-1):Radu; Biraschi, Romero, Zukanovic, Criscito; Lazovic, Lerager, Radovanovic, Rolon, Kouamé; Sanabria. All. Prandelli

Lazio (3-5-2): Strakosha; Gabarron, Acerbi, Radu; Marusic, Romulo, Badelj, Cataldi, Lulic; Immobile, Correa. All. Inzaghi.

CRONACA:
Il Genoa per ottenere il quarto risultato utile di fila, la Lazio per continuare a restare viva nella lotta Champions nonostante le tante assenze.

La partita di oggi dunque vale molto per entrambe le squadre, e anche per questo inizialmente i ritmi sono lenti e compassati, con i giocatori che preferiscono non scoprirsi e gestire il possesso per non correre rischi.

La prima occasione del match arriva infatti solo al 30′, quando dopo una rimessa laterale di Biraschi e una deviazione di Acerbi, il pallone giunge a Rolon che calcia da posizione ravvicinata ma trova la prodigiosa risposta in tuffo di Strakosha.

La Lazio risponde allo spavento subito, e al 32′ ha la sua prima chanche con Romulo, il quale tutto solo non riesce a sfruttare un bel traversone di Lulic, colpendo debolmente la sfera.

Due minuti dopo ed è nuovamente il Genoa a rendersi pericoloso, stavolta con Sanabria. Il numero 9 calcia da posizione defilata, ma Strakosha respinge di piedi.

La partita diventa più piacevole, e al 44′ la Lazio trova il gol del vantaggio. Dopo un triangolo tra Immobile e Badelj, quest’ultimo da centro area batte Radu con un preciso destro rasoterra che non lascia scampo al portiere avversario.

I biancocelesti cominciano meglio nella ripresa, e nell’arco di dieci minuti hanno due grandi occasioni. La prima è al 53′ con Correa: la punta calcia bene in maniera angolata, ma Radu compie un intervento strepitoso tenendo in vita i suoi.

La seconda grande chance è al 63′: Badelj colpisce di destro da fuori area, ma il pallone si stampa sulla traversa, negando così il raddoppio alla Lazio e la doppietta personale al centrocampista.

D’improvviso però, ecco l’episodio che ribalta le sorti della gara. Al minuto 75, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Leiva colpisce Sanabria nel tentativo di rinviare, la palla assume una strana traiettoria e termina in rete.

Il gol del pari, ottenuto in maniera parecchio fortunata, galvanizza il Genoa che, spinto anche dai suoi tifosi, chiude la partita in avanti mettendo sotto pressione gli avversari.

Così, al 93′, dopo una corta respinta di Caicedo, con un gran sinistro da fuori area che bacia il palo prima di entrare in rete, Criscito trova il gol del vantaggio che fa esplodere lo stadio e che regala alla squadra di Prandelli una vittoria preziosa e insperata.

Il Genoa sale dunque a 28 punti e si allontana dalla zona retrocessione, la Lazio invece resta ferma a quota 38 e perde terreno dal quarto posto.

About the Author

Alessio Achenza
Nato a Nuoro il 10-04-1999, mi sono diplomato nel 2018 presso il Liceo Classico. Attualmente sono uno studente di scienze della comunicazione a Bologna. La passione per lo sport, e specialmente per il calcio, è innata fin da quando ero bambino, e cresce sempre di più, con un'unica grande costante: il tifo per la Roma. Passato da giocatore, dai primi calci alla prima categoria, e presente da allenatore. Sogno di lavorare nel mondo dello sport, per questo sono ben felice di collaborare con questo blog.

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter