Il derby si tinge di blucerchiato, finisce 2-­3.

 

Il derby tra Genoa e Sampdoria é l’anticipo della 18esima giornata di serie A penultima del girone d’andata. Entrambe le squadre arrivano da periodi non positivi.

FORMAZIONI:

Gasperini presenta Perin in porta, Izzo e Ansaldi sulle fasce, De Maio e Burdissio come centrali di difesa, centrocampo affidato a Dzemaili con Rincone Ntcham. Trio d’attacco composto da Lazovic, Pavoletti e Laxalt. Montella da fiducia a Moisander in coppia con Zukanovic come difensori centrali, sulle fasce De Silvestri e Regini. I pali difesi da Viviano. A centrocampo torna Fernando con Barreto e Soriano. Cassano compone il reparto d’attacco insieme ad Eder e Carbonero.

CRONACA:

Nel primo tempo la Samp “uccide” il Genoa. Dopo un colpo di testa di poco a lato di Pavoletti, la squadra di Gasperini fa vedere tutti i problemi che si notano da inizio stagione, concedendo alla Samp di sfruttare le qualità dei suoi singoli. Soriano trova il vantaggio per la Samp al 18′, con un bel diagonale filtrante di Cassano. La manovra del Genoa é lenta e la squadra é poco compatta, lasciando spazio alle accelerazioni di Eder e Carbonero. Al 41′ azione del colombiano, mischia in area, risolta da un preciso piazzato di Eder.
Il primo termina così con un netto 2­-0 che certifica la supremazia della Samp in campo. Nella ripresa Gasperini inserisce i nuovi arrivi Suso e Rigoni, ma il copione non cambia a trovare il goal é sempre la Samp. Ripartenza di Regini, palla in mezzo per Cassano che trova un altro splendido pallone per Soriano: facile conclusione e 3-­0. La partita sembra chiusa, con il Genoa scoraggiato e la Samp euforica. Invece negli ultimi 20′ finali si riaccende la partita: Pavoletti riapre la partita con una splendida doppietta e permette al Genoa di tornare in partita per un finale tutto da vivere. Ma il Genoa non riesce più a rimediare, Barreto centra una traversa nei minuti di recupero. Finisce 3­-2 per la Samp.

Samp che staziona a metà classifica con 23 punti, Genoa a 16 punti 2 punti in più dalla zona retrocessione.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter