Gli Azzurri Nicolai e Lupo raggiungono una semifinale storica

Paolo Nicolai e Daniele Lupo entrano nella storia, dopo essere stati i primi Italiani per aver vinto nel World Tour, i primi a vincere un Grand Slam ed essere i primi Italiani a trionfare per due volte i campionati europei, adesso sono i primi italiani ad arrivare in semifinali ai giochi Olimpici,  in attesa, pero’ di entrare nella leggenda del beach volley.

Per sono in semifinale ai Giochi Olimpici,  centrano in pieno l’obiettivo e conquistano un risultato fantastico battendo 2-1 i coriacei russi Liamin/Barsouk che non hanno mollato di un centimetro per tutti i tre set.

E’ servito un Lupo straordinario in ricezione ed in difesa e pure in attacco,  soprattutto nel tie break, ed un Nicolai straripante a muro e in battuta per scardinare la solidità dei coriacei Russi,  al termine di una partita dalla rara intensità.

Si gioca punto a punto nella prima parte di gara, il primo break lo firma Nicolai con un ace ed è +3 Italia sul 10-7. L’ace di Lupo mantiene le distanze ma, sul 17-14 arriva il contro break dei russi che trovano un paio di ottime combinazioni muro difesa costringendo Lupo ad attacchi scontati e, con le rigiocate, pareggiano il conto (17-17), tutto  da rifare ma gli italiani non si fanno prendere dal panico,  Nicolai piazza un ace per il break decisivo del 19-17, poi ci pensa Lupo, con difesa e rigiocata vincente a chiudere i conti sul 21-18.

L’avvio del secondo set è da incubo per gli azzurri, basta un attimo di distrazione e Liamin/Barsouk sono già avanti 6-2. La coppia italiana non molla e torna sotto punto su punto e a quota 14 pareggia il conto con la solita grande rigiocata di Lupo. Nicolai, sbilanciato, commette un errore in attacco (15-17) ma piazza un altro ace per il 18-18. I russi rigiocano un pallone perfetto (18-20) ma gli azzurri annullano due set ball consecutivi. Al terzo tentativo, però, Liamin non perdona (22-20) e trascina il match al tie break.

Terzo set che si gioca sul filo dell’equilibrio fino al 6-5 Italia poi il muro di Nicolai è il segnale per alzare il ritmo. L’abruzzese va in battuta e lascia partire due bordate che si trasformano in ace: 9-5 per l’Italia ma non è finita. Liamin e Barsouk, non si arrendono  e riescono a rimontare fino al 10-9 con un paio di rigiocate.

Lupo e’ decisivo, prima con un cambio palla e poi con la chiusuira di un’azione infinita dove macina chilometri e si fa trovare pronto a chiudere l’attacco quasi sulla riga di fondo, e’ la mazzata definitiva per i russi che subiscono prima la rigiocata di Nicolai e poi decidono di battere sull’abruzzese che non perdona per il 14-11. La chiusura spetta a Lupo ed è festa grande a Rio e in Italia. La sabbia di Copacabana per una notte è colorata di azzurro!

About the Author

Andrea Schiavina
Nato a Bologna il 19/06/1965 titolo di studio Geometra, sport praticati a livello agonistico Nuoto, Pallanuoto, Football americano e Tennis. Appassionato di sport in genere, sono osservatore di calcio professionista, collaboro con Radio Nettuno, Abito a grizzana Morandi in provincia di Bologna sposato

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter

Maglie Juve Home e Away Image Banner 300 x 250