Gioia Ferrari: Sebastian Vettel vince a Melbourne

Gara memorabile quella che si è appena consumata a Melbourne, in Australia, dove un aggressivo Sebastian Vettel è andato a conquistare il primo Gran Premio della stagione dopo tantissimi colpi di scena.

Sono stati infatti premiati tutti i tifosi italiani che si sono alzati prima delle 7 in questa domenica mattina con una grande vittoria del tedesco di casa Ferrari e un buonissimo terzo posto del compagno di squadra Kimi Raikkonen.
Una gara tutta giocata sulla strategia e decisa sul filo del rasoio: dopo la qualifica che ha decisamente sorriso al pilota Mercedes Lewis Hamilton e una partenza perfetta, la Ferrari ha giocato le sue carte, agevolata dal ritiro di entrambe le Haas.
I due piloti Romain Grosjean e Kevin Magnussen, dopo un grande inizio di gara e due buone posizioni che li vedevano a giocarsi punti importanti perchè primi degli “altri”, si sono dovuti ritirare dalla competizione a causa di un errore nel montare una gomma nel momento di pit stop. Una grave mancanza che si è ripetuta per entrambi e non ha solo segnato il tragico inizio di stagione della scuderia ma ha anche cambiato le sorti della gara.
Per rimuovere la monoposto di Grosjean infatti è dovuta intervenire la virtual sefaty car che, congelando le distanze tra piloti e rallentando il ritmo di gara, si è rivelata una grande alleata del team Ferrari per far rientrare Vettel nel suo cambio gomme.
Il ragazzo, che prima degli incidenti si trovava terzo, è potuto rientrare in prima posizione e con grande lavoro è riuscito a mantenere il primo posto fino alla fine dei cinquantotto giri del Gp.
Tanti ritiri nella giornata inaugurale oltre a quelli delle due Haas, partendo dalla Toro Rosso di Gasly fino all’Alfa Romeo-Sauber di Ericsson, fino ad arrivare al neo arrivato in casa Williams Sirotkin. Buona gara invece quella dell’australiano Daniel Ricciardo che è risalito in quarta posizione pur essendo partito ottavo e quella dello spagnolo Fernando Alonso, quinto con una McLaren che sembra essere finalmente competitiva.
Un po’ sotto tono invece la prestazione di Max Verstappen, con molti errori e sbavature che lo hanno fatto scendere in sesta posizione, e quella dell’altro pilota Mercedes Valtteri Bottas, da quindicesimo a ottavo.

ORDINE D’ARRIVO:

1. Sebastian Vettel Ferrari 1:29:33.28
2. Lewis Hamilton Mercedes +5.03
3. Kimi Raikkonen Ferrari +6.30
4. Daniel Ricciardo Red Bull +7.06
5. Fernando Alonso McLaren +27.88
6. Max Verstappen Red Bull +28.94
7. Nico Hulkenberg Renault Sport +32.67
8. Valtteri Bottas Mercedes +34.33
9. Stoffel Vandoorne McLaren +34.92
10. Carlos Sainz Renault Sport +45.72

Più letti

Articoli a Random

Facebook

Twitter