Francia campione del mondo: la Croazia ha cuore ma non basta é 4-2

La Francia bissa il successo del 1998 con un autorete di Mandzukic seguita dal pareggio di Ivan Perisic e dal rigore di Antoine Griezmann: nella ripresa, Paul Pogba e Kylian Mbappé regalano il poker decisivo nonostante l’errore di Lloris ed il gol dello stesso Mario Mandzukic tengano viva la finale fino all’ultimo.

FORMAZIONI:

Francia (4-2-3-1): Lloris; Pavard, Varane, Umtiti, Hernadez; Pogba, Kanté; Mbappé, Griezmann, Matuidi; Giroud. All. Deschamps.

Croazia (4-2-3-1): Subasic; Vrsaljko, Lovren, Vida, Strinic; Rakitic, Brozovic; Rebic, Modric, Perisic; Mandzukic. All. Dalic.

CRONACA:

Francia contratta, tesa, nervosa. Croazia più sciolta. Nessuna occasione vera, ma i biancorossi comandano il campo. Fino al 18′, il minuto del vantaggio francese firmato dall’autorete di Mandzukic: azione viziata da una simulazione abbastanza netta di Griezmann, che l’arbitro Pitana, sbagliando, ‘premia’ con il calcio di punizione da cui nascerà la rete. La Croazia non ci sta e pareggia con Perisic, bravissimo a battere Lloris concretizzando una serie di buone azioni offensive. Ma al 38′ segna su rigore Griezmann, ‘aiutato’ dalla decisione del VAR di punire un mani largo in area di Perisic. Due palloni vaganti in area, un’autorete e un goal dal dischetto: il primo tempo francese si conclude così.

Rebic spaventa subito Lloris al rientro dagli spogliatoi, poi la gara prende sempre più una piega precisa. E, in pratica, si chiude in 7 minuti dal 58′ al 65′: prima Pogba e poi Mbappé fanno una fotografia a Subasic, indirizzando il trofeo nella direzione di Parigi. A riaprire parzialmente la finale è un incredibile errore di Lloris, che consente a Mandzukic di accorciare sul 4-2, ma la strada è ormai segnata: la Croazia tenta qualche assalto finale, ma non spaventa più i Bleus, che con esperienza trascinano la gara verso il triplice fischio. Nell’Esagono, la grande festa può cominciare.

About the Author

Elisa Bencini
Elisa Bencini. Classe '89 laureanda in storia e tutela dei beni artistici a Firenze, ama il calcio e lo sport in generale e professa una fede sola: per la Fiorentina. Ha collaborato con alcuni giornali online, scrive per Sprint e Sport. E' la fondatrice e l'ideatrice del Blog dello Sportivo